Mal di stomaco da stress: cause, prevenzione e rimedi

Mal di stomaco da stress: cause, prevenzione e rimedi Medicina

Ci sono una miriade di fattori che possono contribuire a far nascere il mal di stomaco ma probabilmente quello più sottovalutato di tutti è proprio lo stress. D’altro canto, parliamoci di chiaro: quanti di noi quando avvertono del dolore nella zona addominale sono soliti pensare al fattore psiche? E in quanti, invece, iniziano a riflettere su cosa si è mangiato poche ore prima cercando le cause del proprio malessere in una cattiva alimentazione? Non ci sono dubbi in merito al fatto che il secondo scenario sia di gran lunga più frequente del primo, eppure il consiglio, ogni qualvolta si ha mal di stomaco, è di non sottovalutare mai una probabile origine di natura psicologica. Lo stress, accumulandosi, finisce per dare riscontro sul corpo e lo fa sotto una miriade di molteplici forme tra cui, per l’appunto, anche il mal di stomaco!

Mal di stomaco da stress: cause e prevenzione

Come dicevamo il mal di stomaco si presenta come un disturbo che può essere stato causato da tanti fattori anche piuttosto diversi fra loro. Ma quando il dolore è da stress, la radice del problema non può che essere multiforme: l’ansia, i pensieri negativi, l’agitazione o addirittura dei primi stati di depressione. Tutte ragioni di un disagio che per quanto più lievi in alcune forme e più gravi in altre, hanno comunque origine da una sfera molto intima della persona.

Difficile parlare di casi concreti poichè ognuno di noi, essendo caratterialmente ed emozionalmente diverso dall’altro, ha una serie di fattori che possono indurlo in agitazione. Di conseguenza occorre lavorare sulla rimozione di quegli agenti per riuscire a star bene fisicamente, poiché non dimentichiamo che quando un malessere fisico ha origine mentale va sempre fatto qualche tentativo di prevenzione anzichè di cura: pensare di assumere farmaci che abbiano riscontri su scala psicologica pur di curare dei sintomi corporei non è affatto consigliato. Far leva sulle ragioni del disagio, in sostanza, è la prima strada da percorrere per provare a tornare sereni sia mentalmente che fisicamente.

Agire di prevenzione per cercare di ridurre gli agenti stressanti, però, lo si può fare anche in altri modi. Oltre a rimuovere le radici che causano questa condizione il consiglio è anche quello di proiettarsi verso uno stile di vita più sano tanto basato su un’alimentazione equilibrata quanto amico di una costante attività fisica. Comportarsi bene a tavola e tenersi in movimento, infatti, sono due pilastri fondamentali del vivere sano! Lo sanno anche i muri!

Ma esattamente cosa intendiamo con ciò? Nulla di particolarmente complesso: mangiare bene vuol dire affidarsi a una dieta per lo più basata su frutta, verdura e tanti liquidi, nonché conseguentemente lontana dai classici “cibi spazzatura” pieni di grassi, zuccheri raffinati e magari accompagnati anche da alcool (e fumo). L’esercizio fisico, invece, non presuppone necessariamente qualcosa di elaborato: è sufficiente camminare un po’ tutti i giorni, o magari fare qualche corso di yoga e meditazione per rilassarsi non solo superficialmente ma anche e soprattutto sotto un punto di vista “spirituale”.

Mal di stomaco da stress: i rimedi naturali

La tensione nervosa va prevenuta, ok, ma se dovesse essere troppo tardi? Se il mal di stomaco da stress dovesse avere avuto la meglio, a quale rimedio potremmo fare affidamento?

In questo caso bisogna necessariamente lavorare su due binari: il primo lo abbiamo accennato già, ovvero quello secondo il quale dovremmo rimuovere tutte le origini evidenti del nostro malessere mentale; il secondo ha invece a che fare con dei rimedi postumi che sappiano regolarizzare la respirazione e di conseguenza placare il movimento volontario dei muscoli coinvolti. Fiori di Bach, camomilla, melissa, malva e tante altre piante di origine omeopatica (o anche erboristica) riescono a lavorare proprio su questo fronte garantendo risultati rapidi, efficaci e naturalmente privi di effetti collaterali data la loro innocuità.

Per i casi più gravi e cronici potrebbe essere d’aiuto il ricorso alla farmacologia. In questa fattispecie il consiglio è quello di rivolgersi a farmaci da banco come ad esempio il Malox; medicinali che, in sostanza, vengono comunemente utilizzati per il trattamento dei problemi allo stomaco e delle difficoltà di natura digestiva.

Riconoscere l’ansia per prevenirla e combatterla

Per quanto possano essere diverse le ragioni che danno vita a un disagio di tipo psicologico, è fuor di dubbio che l’ansia sia la più comune e temuta; la stessa che, in altre parole, è nella gran parte dei casi all’origine del mal di stomaco da stress.

L’ansia nasce come un meccanismo di difesa che il nostro organismo attua per rispondere e difendersi da una serie di situazioni che ritiene pericolose: in sé e per sé sarebbe anche un valido strumento di autodifesa, ma quando l’ansia supera le reali possibilità di gestione dell’organismo stesso allora finisce per produrre dei veri e propri disagi.

L’ansia negativa va prevenuta e combattuta in tutte le maniere (che coincidono sostanzialmente con quelle esplicate qui sopra), poiché altrimenti evolve di livello in livello fino a toccare una sorta di punto di non-ritorno per il quale si rendono necessari interventi invasivi: si tratta di una brutta bestia e che come tale andrebbe trattata. Interferendo con lo stile di vita della persona e riverberando i suoi effetti anche su scala fisica, l’ansia è qualcosa che va anzitutto riconosciuta e confessata a terzi: la presa di coscienza di avere un problema è fondamentale in tutto ciò dal momento in cui proietta la persona già alla metà del percorso che l’aiuterà a tornare in forma! Negare e lasciarsi divorare dai pensieri, invece, è un meccanismo perverso da evitare con tutte le proprie forze.

Share