RDW alto, cosa significa?

L’RDW alto, cosa signidica? L’Rdw – cv rappresenta il valore della variabilità di dimensione e del volume delle cellule dei globuli rossi,  ed è uno dei parametri da tenere in considerazione per l’emocromo.

Cos’è RDW e cosa significa quando è alto?

La parola RDW deriva dalla sigla in lingua inglese Red blood cells Distribution Width, che tradotto in italiano significa indice di distribuzione del volume dei globuli rossi. L’RDW alto significa dunque che i globuli rossi sono diseguali fra di loro, nel volume e nelle dimensioni. Se l’RDW ha un valore zero, significa che tutte le cellule dei globuli rossi hanno la stessa dimensione.

RDW alto, cosa significa? Esami

I Valori normali dell’RDW

I valori normali dell’RDW si aggirano tra l’11 ed il 15 per cento, e variano anche in base all’età ed al sesso.

Se consideriamo gli uomini:

  • a 2 anni d’età il valore di RDW è normalmente compreso tra 12,0-14,5%;
  • dai 3 ai 5 anni 12,0-14,0%;
  • dai 6 agli 11 anni 12,0–14,0%;
  • dai 12 anni ai 15 anni 11,6 – 13,8%;
  • da adulti i valori sono compresi tra: 11,8-15,6%.

Per le donne i valori normali di RDW

  • a 2 anni  12,0-14,5%;
  • dai 3 ai 5 anni 12,0-14,0%;
  • dai 6 agli 11 anni 11,6-13,4%;
  • dai 12 ai 15 anni tra 11,2-13,5%;
  • le donne adulte hanno un valore normale compreso tra 11,9-15,5%

Se l’RDW è alto

Quando invece dalle analisi del sangue emerge l’RDW alto, di per sè, non consente alcuna diagnosi o preoccupazione. Sono infatti necessarie altre analisi affinchè possa essere data una possibile diagnosi.

L’RDW alto può inoltre dipendere da altri fenomeni correlati: nel caso di alcuni tipi di emorragie (o nel caso specifico di emorroidi) un RDW altro potrebbe essere considerato normale, ed il valore dovrebbe ritornare nei canoni una volta superato il problema.

Cosa indica l’RDW alto?

Un valore alto di RDW sta a significare una possibile carenza di ferro, vitamina B9 – acido folico, o vitamina B12.

L’esame dell’RDW

L’esame per la misurazione dell’RDW non implica alcuna preparazione particolare e può essere eseguito prelevando a digiuno un piccolo campione di sangue venoso dal braccio.

Cos’è l’MCV e perchè è correlato all’RDW

MCV è l’acronimo di Mean Cell Volume e rappresenta il volcume medio di globuli rossi, bianchi e piastrine; è dunque un valore che viene analizzato unitamente all’RDW per poter dare una diagnosi più completa e precisa. Se l’RDW è alto e l’MCV e alto, si evidenzia una carenza di vitamine B9 – B12; se l’MCV al contrario è basso, c’è carenza di ferro che potrebbe creare problemi nella produzione di globuli rossi. Nel caso di RDW alto e MCV nella norma, sono necessarie ulteriori analisi.

L’anemia emiolitica

Uno dei problemi legati all’RDW alto è quello dell’anemia emolitica, nel caso in cui il sistema immunitario si scateni, per errore, contro le cellule del sangue. La casistica di RDW altro contempla anche la chemioterapia, la sindrome mielodisplatica, anemia dimorfica o falciforme. E’ sicuramente il caso di consultare il medico ed effettuare altre analisi prima di farsi prendere dall’ansia o trarre conclusioni affrettate!

Cosa significa RDW-SV e l’RDW-CV

L’RDW-SV e l’RWD-CV rappresenta uno dei metodi ultilizzati per calcolare il valore dell’RDW. La variazione dei volumi dei globuli rossi viene rappresentata, in fase di analisi, con un grafico ed una curva, che rappresentano proprio le differenze di dimensioni. l’RDW-SV costituisce la deviazione standard, mentre l’RDW-CV il coefficiente di variazione. Senza entrare troppo nel tecnico, sono valori utili a calcolare se l’RDW è nella norma o meno.

RDW alto, i sintomi

Non ci sono dei sintomi – allarme utili a comprendere che l’RDW abbia un valore alto. I sintomi sono vari, e la variazione di RDW e MCV potrebbe essere completamente asintomatica.

Come curare l’RDW alto

La cura per l’RDW alto deve essere decisa dal medico curante dopo aver eseguito tutti gli accertamenti necessari.

Share