La ketamina per curare la depressione

La ketamina per curare la depressione Medicina

Un team di ricercatori dell’UT Southwestern Medical Center ha individuato ed isolato una proteina che potrebbe cambiare il corso delle cose per quel che riguarda il trattamento della depressione. La ketamina è una sostanza stupefacente che da tempo ormai viene studiata per il suo possibile utilizzo in campo psichiatrico. Nello specifico, i vari progetti di ricerca che sono stati messi in campo hanno più che altro cercato di focalizzarsi sull’uso di questa sostanza per la cura della depressione, e a quanto pare qualche passo in avanti è stato fatto.

La proteina individuata dagli studiosi dell’UT Southwestern Medical Center, infatti, sarebbe proprio in grado di attivare gli effetti antidepressivi della ketamina. Secondo gli autori dello studio, la ketamina sarebbe da considerarsi un alleato nella stabilizzazione dell’umore e nel trattamento di alcuni casi di depressione grave. Il motivo? Semplicemente perché la ketamina bloccherebbe un recettore che ha un ruolo determinante nella depressione.

Alla luce di ciò, nonostante i suoi effetti collaterali siano numerosi e anche piuttosto importanti, gli scienziati sentono di poter affermare che la ketamina andrebbe guardata con un altro occhio e utilizzata per dar vita a dei farmaci antidepressivi. Questa sostanza infatti migliorerebbe sensibilmente i sintomi tipici della depressione, perché agirebbe su un sistema diverso rispetto a quello in cui opera la serotonina (anche questa inserita in molti farmaci ad azione ansiolitica e antidepressiva).

La scoperta fatta su questo fronte potrebbe spianare la strada a dei nuovi farmaci in cui la ketamina avrà un ruolo molto importante, o meglio, fondamentale. Tutto sta a riuscire a prendere “il buono” di questa sostanza e a contenere, nei limiti del possibile, tutti quelli che sono gli effetti negativi dati da questa che, in fin dei conti, rimane pur sempre una droga.

Share