Vaccinazione contro l’emicrania

Vaccinazione contro l'emicrania Malattie

 

Uno dei disturbi più comuni tra le varie popolazioni mondiali è indubbiamente l’emicrania. Il terribile mal di testa potrebbe però essere finalmente contrastato. Dall’Australia arriva la vaccinazione contro l’emicrania, uno studio portato avanti da qualche anno che finalmente ha destato risultati più che incoraggianti e già c’è stato modo di testarlo su un centinaio di essere umani.

Come funziona tale vaccinazione?

La vaccinazione contro l’emicrania è la nuova frontiera della medicina, chiaramente si parla di mal di testa frequenti che innescano un dolore più o meno forte. Questa vaccinazione contro l’emicrania si basa su un particolare anticorpo, l’ADL 403 che ha il compito di tacitare il recettore del mal di testa. In poche parole è il CGRP (calcitonine gene related peptide), vasodiladatore che ha un ruolo fondamentale nell’attivazione del dolore durante la comparsa dell’emicrania. Il CGRP tende ad unirsi ai vari recettori disposti in varie aree della testa e che sono poi le cause scatenanti del dolore. La vaccinazione contro l’emicrania si propone quindi di iniettare questo anticorpo ADL 403 che colpisce in modo particolare i recettori del CGRP che sono i veri propiziatori del dolore.

Come si comportano i vari farmaci contro l’emicrania

Ecco che l’efficacia della vaccinazione contro l’emicrania è davvero imponente, mentre solitamente i vari analgesici utilizzati per calmare il dolore dell’emicrania puntano direttamente sulla riduzione del CGRP, ma non colpendo invece il fulcro centrale del dolore, ecco perché poi il mal di testa non viene debellato completamente. Con questa vaccinazione contro l’emicrania il passo è invece molto più importante, si elimina praticamente alla radice la comparsa del dolore. Chiaramente si tratta ancora di una fase di sperimentazione, ma la strada è stata praticamente spianata.

Share