La corretta alimentazione per la sindrome del colon irritabile

Il colon irritabile è una condizione sempre più frequente, legata alla presenza di disturbi funzionali. Ma quali sono le cause del colon irritabile? Quale collegamento esiste tra colon irritabile a alimentazione? Quali cibi evitare?

Cause colon irritabile

Spesso confusa con il morbo di Crohn, altra condizione legata sempre a “inefficienze” dell’intestino, il colon irritabile, o sindrome del colon irritabile, ha un impatto decisamente diverso, e caratteristiche altrettanto specifiche.

La patrologia del colon irritabile è infatti caratterizzata da una frequente alternanza tra periodi di stipsi e periodi di diarrea. A ciò si aggiunga la presenza di dolori addominali più o meno forti, che in alcuni casi possono risultare lievi e costanti, e in altri essere contraddistinti da picchi di maggiore incisività e brevità.

In ogni caso, la sindrome è abbastanza frequente nella popolazione occidentale, e colpisce spesso soggetti giovani e adulti, in prevalenza di sesso femminile.

Ma come trattare a tavola questa patologia? Quali alimenti è preferibile mangiare e quali evitare?

Alimentazione per il colon irritabile

Sebbene vi siano ancora dei margini di incertezza su questo argomento, esistono comunque degli spunti di base su cui è opportuno fondare una dieta per il colon irritabile.

In primis, in caso di colon irritabile può essere utile consumare cibi ricchi di fibra. Dunque, via libera – anche se non in dosi eccessive – a crusca, legumi, frutta, cereali integrali e altri alimenti che possano favorire la sensazione di sazietà, e soprattutto possano favorire l’evacuazione dell’intestino e agire contro la stitichezza.

Inoltre, è consigliabile bere molta acqua durante la giornata, avendo cura di evitare le bevande gassate, che intuibilmente favoriscono la presenza gas nell’intestino, considerato che il dolore è determinato dalla distensione gassosa del colon.

Colon irritabile, cibi da evitare

Oltre alle bevande gassate, che sono sicuramente uno dei prodotti da evitare in caso di colon irritabile, è bene limitare il più possibile la caffeina. È inoltre opportuno evitare alcoolici e altre sostanze che potrebbero irritare l’intestino, andando così a peggiorare la situazione.

Tra gli alimenti da consumare con moderazione troviamo inoltre latte, formaggi freschi, patate, legumi, broccoli, melanzane, carciofi, e prodotti con dolcificanti.

Cause del colon irritato

A volte è piuttosto difficile individuare le cause del colon irritato. Insomma, se i sintomi del colon irritabile sono facilmente individuabili (come i disturbi addominali e le irregolarità delle funzioni intestinali), i motivi che possono essere scatenanti tale tipologia di sindrome, potrebbero non essere ben inquadrabili, né elencabili.

Ad ogni modo, esistono condizioni, abitudini e atteggiamenti che sembrerebbero propiziare, o quantomeno favorire, la comparsa del problema.

Vi invitiamo pertanto a confrontare quanto di seguito descritto con lo stile di vita condotto, andando così a favorire una corretta diagnosi di colon irritato con il medico curante.

Sintomi e cure del colon irritato

Come nella maggior parte delle sindromi e dei disturbi che interessano l’apparato digerente, e come sopra abbiamo già avuto modo di rammentare, l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale nella prevenzione e nello sviluppo del colon irritabile. L’abitudine di mangiare in modo sregolato e poco equilibrato, ad esempio, è uno degli elementi che può predisporre il proprio organismo a soffrire di colon irritato.

Inoltre, i cambiamenti ormonali, specialmente nelle donne, possono figurare spesso tra le cause del colon irritato. Nei giorni del ciclo, i sintomi del disturbo sembrano accentuarsi notevolmente.

Da non sottovalutare, ulteriormente, è anche il fattore legato all’ereditarietà. Sembrerebbe infatti che tra gemelli omozigoti, o parenti prossimi, l’irritabilità del colon abbia un’incidenza maggiore rispetto ai casi in cui non si riscontra familiarità.

Anche una vita troppo sedentaria, e l’assunzione per troppe ore di seguito della stessa posizione, possono essere cause del colon irritato. Meglio pertanto concedersi qualche minuto giornaliero per fare un po’ di sport: basta mezz’ora di camminata a passo normale!

Per concludere, infine, rammentiamo come sia decisamente rilevante tra le cause del colon irritato il fattore stress. Sembra infatti che uno stile di vita psicologicamente provato possa condurre l’organismo in uno stato di tensione fisica la cui conseguenza è spesso… quella sopra descritta.

Dunque, per poter curare la sindrome del colon irritabile è di norma sufficiente effettuare alcune buone pratiche alimentari, evitando i cibi che sopra abbiamo individuato e favorendo invece una buona idratazione, e svolgere una vita più dinamica sotto il profilo atletico, e meno stressata.

Share