Dieta anticancro: cibi da evitare e prediligere contro i tumori

Dieta anticancro: cibi da evitare e prediligere contro i tumori Dieta

Su questo fronte, nel corso degli ultimi decenni la ricerca ha fatto passi da gigante, ma rimane fuor di dubbio che il cancro rimanga uno dei grandi mali che la società moderna si ritrova a dover affrontare. Tante le forme tumorali che quotidianamente colpiscono migliaia e migliaia di persone, così come diverse le cause che vi sono all’origine tra le quali, udite udite, c’è proprio l’alimentazione.

Alimentazione e cancro: quale legame?

Per quanto siamo soliti pensare che la nascita di un tumore sia dovuta a fattori genetici o ambientali, in realtà dobbiamo anche iniziare a rivalutare la dieta alimentare se per davvero vogliamo prevenire l’insorgere del problema: numerosissimi studi scientifici così come autorevoli realtà di settore (tra le quali l’Airc, nel più specifico caso italiano), hanno dimostrato come la dieta alimentare possa svolgere un ruolo determinante in tutto ciò. Ecco dunque che nelle nostre tavole ci finiscono cibi salutari ed altri che, se proprio volessimo allontanare il rischio di contrarre un tumore, faremmo bene ad evitare o quanto meno a ridurre drasticamente.

Ma esattamente qual è il rapporto che corre tra la dieta e il cancro? Dobbiamo sapere che l’alimentazione è un fattore capace di determinare il nostro stato di salute e che, in quanto tale, ha la capacità di renderci più inclini o più lontani alla contrazione di patologie legate all’organismo. Studi storici ma anche ricerche condotte negli ultimi anni, a tal proposito, hanno più e più volte rilanciato una realtà dei fatti che oramai è sotto gli occhi di tutti noi: il legame che c’è tra alimentazione è cancro è quanto più vivo, palpabile e stretto che mai.

In quest’ottica esistono perciò degli alimenti da evitare come carni rosse o cibi che son stati sottoposti a profondi processi di raffinazione, ma figurano anche degli alimenti che invece andrebbero posti su una corsia preferenziale come le varie tipologie di frutta e verdura. Tuttavia, essendo questo un tema particolarmente complesso, vediamo di approfondire un po’ più nel dettaglio quale sia questa vociferata “dieta anticancro”.

Dieta anticancro: gli alimenti da evitare (o limitare)

Carni rosse – E’ noto, risaputo e reiterato che le carni rosse rappresentino il nemico numero uno in termini di tumore. Durante i processi di cottura ad alte temperature (come nel caso della brace o della griglia), da queste carni fuoriescono dei composti cancerogeni noti dagli studiosi sotto il nome di cammine eterocicliche. Tali molecole hanno la capacità di legarsi direttamente al DNA delle cellule che compongono i tessuti (con particolare riferimento a stomaco colon e fegato) e, una volta stretto questo legame, sono in grado di far maturare tali cellule ospitanti in cellule cancerose.

Insaccati – Più comunemente noti come “affettati”, gli insaccati sono ricchi di grassi saturi e di conservanti che di certo bene non fanno. Più nello specifico al loro interno sono contenuti i nitrati e i nitriti, additivi che vengono per lo più utilizzati ai fini della conservazione delle carni e che sono dimostrati essere inclini al rischio cancerogenico. In teoria queste molecole sarebbero anche innocue in sé e per sé, ma dal momento in cui vengono cotte o nell’istante in cui vengono a contatto con gli acidi dello stomaco, finiscono col trasformarsi in sostanze tossiche capaci non solo di danneggiare le cellule ma anche di attivarne una forte proliferazione da cui ha origine, per l’appunto, il tumore stesso.

Pesci di grossa taglia – E se carni (siano esse cotte sulla griglia o assunte sotto forma di insaccati) sono da ritenersi nemiche della salute, anche il pesce, seppur in forma decisamente più limitata, va visto con gli opportuni riguardi. Infatti ad esser posti sotto la lente di ingrandimento sono solo i pesci di grossa taglia come tonno e pesce spada che tendono ad accumulare nelle loro carni una maggior quantità di mercurio, ovvero un metallo che non appena introdotto nell’organismo ha la capacità di danneggiare le cellule causando l’insorgere si neoplasie.

Alimenti raffinati – I processi di raffinazione a cui gli alimenti vengono sottoposti oggi giorno, soprattutto per mano della grande industria, non fanno bene alla nostra salute. Zucchero e farina bianca che danno poi vita ad una miriade di alimenti che quotidianamente mettiamo sulle nostre tavole come zucchero bianco, pane e pasta bianchi, merendine e via dicendo aumentano i livelli di glicemia e spingono in alto la secrezione di insulina; questo stesso ormone, a sua volta, aumenta la produzione di ormoni che l’organismo potrebbe interpretare come segni di accrescimento incontrollato: da qui, la generazione del tumore.

Sale e alcool – Il sale contribuisce a formare i composti nitrosi che come visto poc’anzi contribuiscono alla formazione del tumore, ma favorirebbe altresì lo sviluppo del batteri Helicobacter pilory che induce a processi infiammatori e di conseguenza alla trasformazione delle cellule sane in cellule cancerose. Le bevande alcoliche, ancor peggio se associate al fumo di sigaretta, attivano processi altamente tossici e inclini alla comparsa del cancro soprattutto nei distretti di faringe, stomaco, pancreas, fegato e colon.

Dieta anticancro: gli alimenti che allontanano i tumori

Per quel che riguarda la migliore dieta anticancro, è indubbio che il modello vegetariano sia quello più sano sotto ogni punto di vista (sebbene anche i prodotti di origine vegetale, qualora coltivati con pesticidi e concimi vari, potrebbero apparire particolarmente dannosi per la salute).

A questo proposito, per allontanare il rischio di contrarre un tumore ma più in generale per stare meglio in salute, il consiglio è quello di assumere parecchi legumi e cereali integrali che tengono a bada gran parte dei valori che gli alimenti visti in precedenza, invece, mirano a far “sballare” favorendo un ambiente pro-cancro.

I migliori alimenti contro il cancro, però, rimangono frutta e verdura: le grandi quantità di vitamine e di antiossidanti naturali permettono di creare un ambiente anti-infiammatorio per eccellenza, nonché un sistema capace di prevenire i danni cellulari che sono all’origine stessa delle forme tumorali.

Pesce e frutta secca, infine, hanno notevoli capacità anticancro grazie alla sostenuta presenza di acidi grassi essenziali Omega 3: questi proteggono le cellule da eventuali danni esterni ed inibiscono l’angiogenesi, un noto processo che è stato dimostrato essere amico del tumore.

Share