Bilirubina diretta, che cos’è

Bilirubina diretta, che cos'è News e curiosità

Prima di inoltrarci nel campo della bilirubina diretta è opportuno capre di cosa si tratta, perché questo valore è molto importante durante le analisi del sangue. La bilirubina non è altro che un pigmento di colore giallastro che si evidenzia come scarto della disgregazione dell’emoglobina. Quando tale sostanza viene prodotta arriva nel fegato e viene espulsa dall’organismo attraverso la bile ed in misura minore dall’urina. Prima però che la bilirubina raggiunga il fegato si parla di sostanza non coniugata, detta anche indiretta. Questa per essere trasportata nel sangue necessita di legarsi con l’albumina.

 

Che cos’è la bilirubina diretta

Quand’è invece che si parla di bilirubina diretta? All’interno del fegato questa bilirubina si combina con l’acido glucoronico per poter generare una forma capace di sciogliersi in acqua, arriva poi nel colon e grazie alla bile viene riconvertita in forma indiretta così da essere espulsa dall’organismo. In genere nei vari laboratori si tende a misurare la bilirubina diretta in modo da sottrarla dai valori totali per poter scoprire la misura di quella indiretta. Bisogna ovviamente preoccuparsi quando emergono livelli alti di bilirubina indiretta e diretta, ma vogliamo più che altro approfondire questo secondo aspetto.

 

Valori di bilirubina diretta alti

Quando si presentano valori di bilirubina diretta piuttosto elevati, in genere sono superiori rispetto a quella indiretta, ciò indica che le cellule del fegato non riescono ad eliminare bene la bilirubina e tra le patologie che possono provocare questo problema ritroviamo: epatite virale, epatite alcolica e reazione ai farmaci. Valori di bilirubina diretta alti sono riscontrabili anche quando c’è un’ostruzione dei dotti biliari che evidenziano solitamente calcoli dei dotti biliari, tumore e lesioni dei dotti biliari.

Share