Curare l’influenza intestinale

Curare l'influenza intestinale Medicina

L’influenza intestinale è una delle malattie virali più fastidiose che esistano sulla faccia della Terra. Causata dall’azione di uno tra gli svariati virus che possono colpire il corpo umano, consiste in un’infiammazione dello stomaco che porta l’organismo a reagire con vomito e diarrea (non necessariamente entrambi).
Altri sintomi dell’influenza intestinale sono spesso e volentieri essere febbre e crampi addominali.
Tra i virus in grado di trasmettere l’influenza intestinale, i più diffusi sono senz’altro il rotavirus, l’adenovirus (di tipo 40 e 41) e il norovirus. Essi possono penetrare nel nostro organismo sia perché ci siamo esposti alla vicinanza di qualcuno che ne era stato precedentemente infettato, o perché siamo venuti a contatto con cibo e acqua contaminata.

I sintomi dell’influenza intestinale

Come premesso, i sintomi più significativi dell’influenza intestinale sono vomito, diarrea, febbre e crampi addominali. Tali sintomi possono avvenire simultaneamente o meno, e talvolta possono essere accompagnati anche da mal di testa, mal di stomaco, perdita di appetito, brividi, perdita di peso, sudorazione, dolori muscolari perdita di appetito e incontinenza. Essi compaiono tra le 24 e le 48 ore dall’esposizione alla fonte del contagio e durano in genere poco più di una settimana.

 La cura per l’influenza intestinale

Vomito e diarrea, tra tutti i sintomi dell’influenza intestinale, sono quelli che più comportano la perdita di liquidi da parte dell’organismo. Di conseguenza, è fondamentale bere molta acqua in modo da contrastare il processo di disidratazione. E’ bene evitare invece di mangiare troppo, in modo che stomaco e intestino siano più leggeri e meno esposti allo stimolo del rimettere. Durante i pasti successivi consumate cibi leggeri e “in bianco”, come il riso e le banane, dall’effetto astringente, crackers e petto di pollo.
Per quanto riguarda la terapia farmacologica per l’influenza intestinale, generalmente il medico non prescrive antibiotici. La sola Tachipirina sarà sicuramente in grado di alleviare i sintomi e favorire la digestione.
Nel caso in cui vomito, diarrea, febbre e crampi addominali sono particolarmente persistenti, o avvertiate senso di stordimento e debolezza eccessiva, non esitate a contattare il medico.

Share