Cause e cura per le ragadi anali

Cause e cura per le ragadi anali Benessere

Terapia e cura per le ragadi anali

Prima di descrivere quella che normalmente si rivela essere la cura per le ragadi anali, cerchiamo di fare un po’ di luce e chiarezza rispetto a un disturbo senza dubbio molto fastidioso e purtroppo non poco frequente.

A tal proposito, ci sembra doveroso premettere come per ragade anale si intenda quell’ulceretta o ferita che nasce e si sviluppa all’interno del rivestimento cutaneo presente nella sede del canale anale.

Tra le cause più frequenti di ragade anale, troviamo la diarrea e la stipsi (soprattutto negli anziani), la colite ulcerosa (o patologie simili), il morbo di Chron e le varie fasi della gravidanza.

Per quanto concerne la diagnosi del problema, tra i sintomi che ci permettono di riconoscere la necessità di una cura per le ragadi anali, troviamo (appunto) la formazione di piccole lesioni intorno all’ano, bruciore, dolore (soprattutto al momento dell’evacuazione), perdite di sangue e difficoltà ad assumere una posizione comoda.

Cause e cura per le ragadi anali Benessere

Consigli in merito alla cura per le ragadi anali

Se in breve tempo la lesione non si rimargina da sé, sarà necessario intervenire con una cura per le ragadi anali. Il vostro medico di fiducia, ovviamente, saprà consigliarvi adeguatamente in merito e, a tal proposito, vi ricordiamo come quanto descritto in questo blog sia riportato al solo scopo informativo e non vada preso dal malato come una possibile fonte per cure fai da te al problema sofferto.

Nel frattempo, comunque, provvederemo a fornirvi qualche consiglio circa la cura per le ragadi anali più indicata. Continuate a leggere e ne saprete di più.

Cause e cura per le ragadi anali Benessere

Come procedere alla cura per le ragadi anali e ritrovare presto la serenità

Venendo finalmente al dunque, la cura per le ragadi anali consiste solitamente nella somministrazione di pomate da applicare localmente, antidolorifici per alleviare il dolore causato dalla lesione, farmaci di vario tipo e lassativi (utili per contrastare la stipsi, rendere le feci più morbide e risolvere al meglio il problema).

In base al problema specifico, ovviamente, il medico saprà scegliere una tra le terapie sopra riportate o associare tra di loro quelle che maggiormente riterrà indicate.

Talvolta, poi, per quanto il problema si risolva di solito nel giro di qualche giorno, situazioni più severe di ragade anale potrebbero richiedere un intervento chirurgico.

In conclusione, però, adottare uno stile alimentare più appropriato potrebbe rappresentare un valido aiuto nella cura per le ragadi anali. A tal proposito, favorite gli alimenti ricchi di fibre (frutta e verdura, pane e pasta integrale, legumi eccetera).

Cause e cura per le ragadi anali Benessere

Share