Cos’è l’otosclerosi?

Redazione

Updated on:

otosclerosi
Cos'è l'otosclerosi? Malattie
Otosclerosi (immagine da Pazienti.it)

L’otosclerosi è un termine derivato da oto, che significa “dell’orecchio”, e sclerosi, che significa “indurimento anormale del tessuto corporeo”. La condizione è causata da un rimodellamento osseo anormale nell’orecchio medio.

Il rimodellamento osseo è un processo permanente in cui il tessuto osseo si rinnova sostituendo quello vecchio con quello nuovo. Nell’otosclerosi, un rimodellamento anormale interrompe la capacità del suono di viaggiare dall’orecchio medio all’orecchio interno. Si ritiene che molti casi di otosclerosi siano ereditari. Le donne bianche di mezza età sono le più a rischio.

Un udito sano si basa su una serie di eventi che trasformano le onde sonore nell’aria in segnali elettrochimici all’interno dell’orecchio. Il nervo uditivo trasporta quindi questi segnali al cervello.

Innanzitutto, le onde sonore entrano nell’orecchio esterno e viaggiano attraverso uno stretto passaggio chiamato condotto uditivo, che porta al timpano. Le onde sonore in arrivo fanno vibrare il timpano e le vibrazioni viaggiano verso tre minuscole ossa nell’orecchio medio chiamate martello, incudine e staffa.

Le ossa dell’orecchio medio amplificano le vibrazioni sonore e le inviano alla coclea, una struttura piena di liquido a forma di lumaca nell’orecchio interno. Le parti superiore e inferiore della coclea sono separate da una membrana elastica “basilare” che funge da base su cui siedono le strutture uditive.

Le vibrazioni sonore in ingresso provocano l’ondulazione del fluido all’interno della coclea e un’onda itinerante si forma lungo la membrana basilare. Le cellule ciliate che si trovano sulla parte superiore della membrana “cavalcano” quest’onda e si muovono su e giù con essa.

Le strutture ispide delle cellule ciliate poi urtano contro una membrana sovrastante, che fa inclinare le setole su un lato e aprire canali simili a pori. Alcune sostanze chimiche quindi si precipitano dentro, creando un segnale elettrico che viene trasportato dal nervo uditivo al cervello. Il risultato finale è un suono riconoscibile.

Le cellule ciliate vicino alla base della coclea rilevano i suoni più acuti, come lo squillo di un cellulare. Quelli più vicini al centro rilevano i suoni più bassi, come l’abbaiare di un grosso cane.

Quali sono le cause dell’otosclerosi?

L’otosclerosi è più spesso causata quando una delle ossa dell’orecchio medio, la staffa, si blocca in posizione. Quando questo osso non è in grado di vibrare, il suono non è in grado di viaggiare attraverso l’orecchio e l’udito viene danneggiato.

Perché ciò accada non è ancora chiaro, ma gli scienziati pensano che potrebbe essere correlato a una precedente infezione da morbillo, fratture da stress al tessuto osseo che circonda l’orecchio interno o disturbi immunitari. Anche l’otosclerosi tende a manifestarsi in famiglia.

Quali sono i sintomi dell’otosclerosi?

La perdita dell’udito, il sintomo di otosclerosi più frequentemente segnalato, di solito inizia in un orecchio e poi si sposta nell’altro. Questa perdita può manifestarsi molto gradualmente. Molte persone affette da otosclerosi notano per la prima volta di non essere in grado di sentire i suoni bassi o di non sentire un sussurro. Alcune persone possono anche provare vertigini, problemi di equilibrio o acufene. L’acufene è un ronzio, un ruggito, un ronzio o un sibilo nelle orecchie o nella testa che a volte si verifica con la perdita dell’udito.