200 e più domande e risposte sulla contraccezione e la contraccezione d’emergenza, il nuovo testo della SMIC

200 e più domande e risposte sulla contraccezione e la contraccezione d’emergenza, il nuovo testo della SMIC Rimedi   D) Salve, ho chiesto la pillola del giorno dopo e il farmacista mi ha dato una pillola nuova che si chiama Ellaone, dicendo che è più efficace di Norvelo. E’ vero? R) Certo ellaOne è fino a 3 volte più efficace di Norlevo nelle prime 24 ore perché è in grado di spostare l’ovulazione anche quando il processo che conduce all’ovulazione è già iniziato. Al momento è anche l’unica pillola del giorno dopo che può acquistare senza ricetta se è maggiorenne

D) Buonasera, assumo una pillola al giorno di Aldactone 25mg per ipertensione.
Ho iniziato l’assunzione della pillola Milvane, l’avevo già presa per anni e sospesa da due. Vorrei sapere se c’è interazione tra i due farmaci e se l’effetto della pillola può essere compromesso. Grazie mille R) Non ci sono interazioni tra i due farmaci. E’ l’ipertensione, anche se adeguatamente controllata, una condizione di controindicazione.

Ecco un esempio delle domande più comuni tratte dall’e-book che SMIC (Società Medica Italiana per la Contraccezione) ha pubblicato in questi giorni un interessante e-book totalmente dedicato al rapporto dei giovani con la contraccezione e con il sesso. Il testo nasce dall’interesse della SMIC nei confronti della conoscenza della contraccezione da parte dei giovani, visto che i rapporti parlano chiaro: tra i ragazzi italiani solo una bassa percentuale utilizza metodi contraccettivi sicuri; tutti gli altri si affidano ancora oggi al coito interrotto.

Poche idee e confuse
La lettura dell’e-book, disponibile gratuitamente sul sito mettiche.it, è particolarmente interessante per tutti, sia per i giovani, sia per gli adulti e i genitori. Si svela infatti un panorama abbastanza preoccupante, dovuto ad un’informazione scarsa e frammentaria. Tutto ciò sembra incredibile nell’era di internet, in cui i giovani hanno a disposizione moltissime fonti d’informazione. Molto probabilmente però tali fonti sono frammentarie e poco approfondite e tantissimi quesiti rimangono senza risposta.

Un vero e proprio vademecum
La SMIC ha prodotto questo testo dopo circa 6 anni di contatti diretti con i giovani, tramite il sito mettiche.it, dove i ragazzi potevano fare domande a medici e ginecologi, sicuri di ottenere una risposta precisa ed esaustiva. È nato così un vero e proprio vademecum, che permette di trovare risposta a qualsiasi questione che riguarda la contraccezione, il sesso, l’educazione sentimentale, la prevenzione delle gravidanze indesiderate. Le 200 domande sono corredate da risposte complete e sincere, espresse con un linguaggio semplice ed accessibile a tutti, pensato anche per i giovanissimi.

Gli italiani e la pillola del giorno dopo
Il testo è nato anche pensando alla diffusione di nuovi metodi anticoncezionali, come ad esempio la pillola del giorno dopo, o contraccettivo d’emergenza. Oggi nelle farmacie italiane è disponibile un farmaco a base di ulipstral acetato (ellaOne è il nome commerciale) un principio attivo molto più efficace di quelli utilizzati in precedenza. Questo farmaco è oggi disponibile come prodotto da banco, senza obbligo di ricetta. Utilizzare o meno un contraccettivo d’emergenza è quindi oggi una scelta che grava totalmente sulle spalle delle donne, che non sono più costrette a richiedere la ricetta al medico di base.

Ulteriori sviluppi
La SMIC continua ad essere attiva nell’ambito dell’informazione a riguardo della contraccezione e della contraccezione d’emergenza, grazie al sito mettiche.it, utile fonte di informazione dedicata a tutti i giovani italiani. In concomitanza con la pubblicazione dell’e-book è partita anche l’iniziativa informiamici.it, dove si tende ad interessare all’argomento anche i giovani che studiano in licei ad indirizzo artistico e grafico, in modo da costruire con loro nuove campagne informative sull’argomento.

La contraccezione
Il tema della contraccezione e del controllo delle nascite indesiderate è oggi quanto più scottante, visto che le indagini in questo senso hanno delineato un panorama abbastanza lacunoso e preoccupante: solo il 14% delle donne fertili italiane utilizzano dei contraccettivi ormonali, e altrettante fanno uso del profilattico. La maggior parte delle donne italiane quindi non usa alcun tipo di contraccezione, se non il coito interrotto, con tutte le problematiche correlate a questo discutibile metodo.

L’e-book è disponibile sul sito http://www.mettiche.it

Share