Tifo, la svolta: prodotto un nuovo vaccino

Tifo, la svolta: prodotto un nuovo vaccino Farmaco

Un nuovo vaccino che potrebbe impedire in nove casi su 10 la febbre da tifo è stato raccomandato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Gli esperti dicono che potrebbe avere un “enorme impatto” sui 22 milioni di casi, e 220.000 morti di tifo ogni anno. Fondamentalmente funziona nei bambini, ad alto rischio di infezione, a differenza di altri vaccini tifoidi.

La tifoide è causata da batteri Salmonella Typhi e i pazienti hanno: febbre prolungata, mal di testa, nausea, perdita di appetito e stipsi. In un caso su 100 causa complicazioni fatali. I batteri sono altamente contagiosi e si diffondono attraverso il cibo contaminato o l’acqua. L’infezione è più comune nei paesi con scarsa igiene sanitaria e mancanza di acqua pulita, in particolare nell’Asia meridionale e nell’Africa sub-sahariana.

Due vaccini contro il tifo sono stati già approvati per ridurre il numero di casi, ma nessuno è concesso in licenza per i bambini di età inferiore ai due anni. La decisione di raccomandare il nuovo vaccino contro il tifo è stata fatta dal gruppo strategico di consulenza per l’immunizzazione (Sage) dell’OMS. Il Prof. Alejandro Cravioto, presidente di Sage, ha dichiarato: “Per la prima volta credo che abbiamo un vaccino molto efficace”. Sage ha suggerito che il vaccino dovrebbe essere somministrato ai bambini di sei mesi e che dovrebbero avvenire anche campagne di recupero focalizzate sui bambini fino a 15 anni di età.

Il Prof Cravioto ha dichiarato che il vaccino è vitale in quanto nel mondo si era raggiunto il limite dei trattamenti standard a causa della “quantità pazzesca” di resistenza agli antibiotici che il batterio del tifo aveva acquisito.

I dati di uno studio clinico del vaccino, effettuati dall’Università di Oxford, sono stati pubblicati appena il mese scorso nel giornale medico Lancet. Il vaccino è stato somministrato a 112 persone a loro volta poi infettati deliberatamente con batteri che causano il tifo. Un tale approccio fornisce un quadro chiaro dell’efficacia di un vaccino senza dover immunizzare migliaia di persone; il vaccino è stato efficace fino all’87%.

Il prof. Andrew Pollard, che ha eseguito tali prove, ha dichiarato che: “Potrebbe avere un impatto enorme. Se l’epidemia dovesse scatenarsi in tutta una comunità, deve essere possibile impedirla maggior parte dei casi e se si riesce ad interrompe anche la trasmissione potrebbe essere definitivamente eliminata”. Il dottor Seth Berkley, direttore generale di Gavi, ha poi aggiunto: “Non solo questo vaccino potrebbe salvare vite umane, ma potrebbe anche essere un’arma preziosa nella lotta contro la resistenza antimicrobica”.

Prima degli antibiotici, il tifo ha ucciso una persona su cinque a causa di ferite infette. Ora ci sono crescenti livelli di tifo resistente alle medicine.

Share