Sintomi Parkinson

Sintomi Parkinson Malattie

 

Il morbo di Parkinson è una delle malattie più preoccupanti per l’organismo umano che, nonostante l’evoluzione della scienza, non ha ancora trovato una cura. Tuttavia il Parkinson può essere riconosciuto in tempo, con i primi sintomi che generalmente nessuno nota, nemmeno lo stesso medico. In questo caso la precocità nello scoprire tale malattia può essere importante in quanto, attraverso i vari medicinali, si può rallentare notevolmente il processo degenerativo.

Cosa causa il morbo di Parkinson?

Il morbo di Parkinson comporta la morte delle cellule nervose che producono il neurotrasmettitore dopamina, il problema principale è che quando si scopre di avere il Parkinson più del 40% di tali cellule sono già morte. Generalment infatti i medici non riescono tempestivamente a capire che il proprio paziente stia entrando nel vortice del Parkinson. Questo perché principalmente sono per primi i diretti interessati a non rendersi conto dei piccoli sintomi che portano a tale malattia. Ci si accorge di avere il Parkinson solo quando si presentano il tremore e la rigidità.

I sintomi del Parkinson

In realtà vi sono dei sintomi che si presentano anche molti anni prima dell’arrivo del Parkinson e che inizialmente i vari pazienti trascurano non rivolgendosi al proprio medico. C’è subito una perdita dell’olfatto, non si riusciranno più a distinguere in maniera netta i vari odori; i disturbi del sonno saranno molto più frequenti e non si tratta solo di insonnia, ma anche di improvvisi scatti notturni; più frequenti saranno i disturbi intestinali con stitichezza o vomito e alla vescica, con incontinenza o difficoltà ad urinare; si inizieranno ad irrigidire i muscoli facciali, il volto non mostrerà più alcuna espressione; la scrittura sarà lenta e sempre più stretta; cambiamenti della voce; eccessiva sudorazione; cambiamenti di umore e di personalità; le braccia non oscilleranno in modo corretto. Questi sono alcuni sintomi precoci del morbo di Parkinson.

Share