Requisiti legge 104

Requisiti legge 104 Malattie

 

La legge italiana prevede assistenza sanitaria ed economica per le persone soggette a gravi handicap. In questo caso c’è la legge 104 che entra in gioco, ma in cosa consiste? I requisiti per avere la 104 sono cambiati nel 2010, diventando più restrittivi. Ci si rivolge in questo caso alle persone che devono assistere parenti soggetti a degli handicap.

Requisiti nuova legge 104

In questo caso, con la nuova legge 104 in vigore dal 2010, si prevede che i permessi per occuparsi di una persona affetta da problema fisico grave sia il coniuge o i parenti entro il secondo grado. E’ soprattutto il coniuge ad avere la precedenza, ma c’è un’eccezione quando quest’ultimo o i parenti stretti siano altrettanto impossibilitati ad occuparsi del soggetto in questione perché anch’essi disabili, qui si passa al terzo gradi di parentela. Per accedere ai permessi della legge 104 la patologia grave deve essere: acuta o cronica che determina temporanea o permanente riduzione o perdita dell’autonomia personale; patologia acuta o cronica che richiede assistenza continuativa o frequenti monitoraggi clinici; patologia acuta o cronica che richiede la partecipazione attiva del familiare nel trattamento sanitario. Questi sono i primi requisiti per la legge 104.

I dipendenti pubblici

Inoltre i dipendenti pubblici possono usufruire di tre gionri di permesso, retribuiti, al mese per occuparsi del paziente handicappato, purché quest’ultimo non sia ricoverato a tempo pieno in un ospedale. Tra i requisiti per usifruire della legge 104 non ritroviamo più l’obbligo di convivenza, vivere quindi per forza con il soggetto malato; il lavoratore inoltre può scegliere la sede lavorativa che sia più vicina al domicilio del disabile, non più quindi vicina al proprio domicilio. C’è inoltre l’esclusività dei permessi che può essere attribuita ad un un’unica persona, solo quindi un familiare può sfruttare la legge 104. Eccezion fatta per i genitori di un figlio disabile, in questi casi ci può essere alternanza.

Share