Le deformità delle ginocchia: le cosiddette gambe storte

Le deformità delle ginocchia: le cosiddette gambe storte News e curiosità   La patologia delle “gambe storte” in età evolutiva è molto frequente. Solitamente le deformità in varo e in valgo si manifestano tra i 2 e i 5 anni, dovute principalmente o al rachitismo o all’eccessivo peso corporeo. Il bambino che presenta le “gambe storte” ha difficoltà nella deambulazione e tende ad inciampare con le sue stesse gambe. L’articolazione del ginocchio è la più complessa dello scheletro umano, è tenuta in sede da numerosi legamenti e deve sostenere il peso dell’intero corpo; la deformazione del ginocchio nasce da uno squilibrio tra due gruppi di muscoli, gli adduttori, che consentono di avvicinare la gamba al corpo, e gli abduttori, che invece danno luogo al movimento opposto, cioè l’allontanamento della gamba.

Le gambe storte in età evolutiva

In età evolutiva, si può manifestare il valgismo o il varismo. Per valgismo s’intende quella tipologia di “gambe storte” che si presentano a forma di X, cioè consistente in una predisposizione delle ginocchia verso l’interno. Compare alla nascita e tende a scomparire spontaneamente con la crescita e l’allungamento degli arti; nel caso in cui tale disposizione del ginocchio dovesse accentuarsi, è necessario ricorrere  all’ uso di ortesi o di calzature particolari. Il varismo invece, rappresenta l’evento opposto, cioè vi è una predisposizione delle ginocchia verso l’esterno. Si è constatato (sebbene ci siano molte discrepanze sulla questione) che uno dei fattori di rischio è l’uso eccessivo del girello, il quale influirebbe in modo negativo sullo sviluppo psicomotorio del bambino. Tale predisposizione di “gambe storte” tende a scomparire prima dei 4 anni di età. Si fa ricorso al trattamento chirurgico quando le deformità interessano gli adolescenti, nel momento in cui il trattamento conservativo risulta del tutto inefficace.

Le cure alle gambe storte

Solitamente l’eccessivo peso è responsabile della predisposizione alle gambe storte, per cui la cura consiste nella graduale perdita di peso del bambino, con un’adeguata dieta e moderata attività fisica (attenzione al gioco del calcio che incide sull’insorgenza del varismo!!!). In caso di rachitismo, è necessaria la somministrazione di vitamina D, che consente l’assorbimento del calcio e del fosforo, indispensabili per l’accrescimento del tessuto osseo e dei denti; il latte è la migliore fonte alimentare.

Share