La risonanza magnetica al seno

La risonanza magnetica al seno Esami

Quando effettuare una risonanza magnetica al seno?

La risonanza magnetica al seno è un particolare esame diagnostico volto all’individuazione e alla valutazione di tumori maligni, noduli e lesioni mammarie, oltre che al monitoraggio di quelli che sono lo stato di una determinata protesi o l’evoluzione di un intervento chirurgico o di una precisa terapia.

Varie ed altre situazioni del seno possono essere valutate, approfondite e controllate tramite l’esecuzione della risonanza magnetica al seno.

Insieme a mammografia ed ecografia, del resto, la risonanza magnetica al seno può essere considerata un valido aiuto nella prevenzione del cancro, seppur un po’ meno precisa e attendibile delle prime due.

La risonanza magnetica al seno Esami

Come si esegue la risonanza magnetica al seno

La risonanza magnetica al seno può essere effettuata con o senza mezzo di contrasto.

Normalmente, al paziente viene richiesto di restare a petto nudo, privo di eventuali oggetti o indumenti che possano compromettere lo svolgimento dell’esame.

A questo punto, l’esperto inietterà l’eventuale mezzo di contrasto in un braccio del paziente e darà il via all’esame nella stanza ad esso dedicata.

A tal proposito, chi si sottopone a una risonanza magnetica al seno dovrà restare ben fermo, per circa una mezz’ora di tempo, col seno adagiato sulla strumentazione indicata dal medico.

La risonanza magnetica al seno Esami

La risonanza magnetica al seno è invasiva?

No, la risonanza magnetica al seno non è invasiva e, al pari di ecografia e mammografia, rappresenta un valido contributo nella valutazione e nel monitoraggio delle condizioni della mammella, soprattutto nel caso in cui si siano già presentati problemi, ci si sia sottoposte a uno specifico trattamento terapeutico (come la chemioterapia) o si desideri andare più a fondo nella diagnosi di una determinata questione.

Detto ciò, e descritte per sommi capi le modalità di esecuzione della risonanza magnetica al seno, ci sembra opportuno e doveroso spendere qualche altra parla in merito all’importanza della prevenzione nei confronti del tumore alla mammella, specifica forma di cancro che, seppur molto importante, può essere trattata e curata, ma deve essere diagnosticata in tempo.

Soprattutto in caso di familiarità col problema, dunque, non rimandate i dovuti controlli annuali (magari per paura del responso) e non fuggite la possibilità di guarire completamente da una malattia che ancora troppo di sé fa parlare nel Mondo.

Detto ciò, consultate il ginecologo di fiducia e chiedete tutti i consigli in merito. Sarete adeguatamente informati circa la procedura da seguire per effettuare i test diagnostici del caso, consistano essi in ecografia, mammografia o risonanza magnetica al seno.

La risonanza magnetica al seno Esami

Share