Diete a basso contenuto calorico: cosa bisogna sapere

Diete a basso contenuto calorico: cosa bisogna sapere Dieta

Durante una dieta ipocalorica, il corpo umano ottiene tra le 800 e le 1.500 calorie al giorno. Per alcune persone, perdere peso in poco tempo con una dieta a basso contenuto calorico è la soluzione ideale.

Molte diete a bassissimo contenuto calorico sono formule commercializzate, con 800 calorie o meno, che sostituiscono tutto il cibo che si mangia abitualmente. Altre, come la ben nota dieta a base di pompelmo, si basano sul consumo di cibi o alimenti a basso contenuto calorico.

Quanto sono efficaci le diete ipocaloriche?

Chi ha un BMI superiore a 30, una dieta ipocalorica potrebbe fargli perdere dagli 1,25 ai 2,50 kg a settimana, con una perdita di peso media totale di 20 kg in 12 settimane.

Perdere quella quantità di peso può migliorare le condizioni di salute legate al peso, tra cui il diabete, l’ipertensione e il colesterolo alto. Ma nel lungo periodo, le diete ipocaloriche non sono più efficaci di una dieta più modesta. Una volta terminata, è necessario cambiare il proprio stile di vita, impegnandosi in un’alimentazione sana e un’attività fisica regolare.

Le diete a basso contenuto calorico sono sicure?

Le diete ipocaloriche non vanno bene per tutti. Bisogna sempre consultare un medico per vedere se questo tipo di dieta è appropriato.

Se l’indice di massa corporea è superiore a 30, le diete a basso contenuto calorico sono generalmente sicure se usate sotto la supervisione medica appropriata. Per le persone in sovrappeso ma non obese (BMI di 27-30), le diete ipocaloriche dovrebbero essere riservate per quelle che hanno problemi di salute legati al peso e sono sotto controllo medico.

Le diete a basso contenuto calorico non sono raccomandate per le donne incinte o che allattano e non sono adatte ai bambini o agli adolescenti se non in programmi di trattamento specializzati. Possono anche non andare bene per le persone di età superiore ai 50 anni, a seconda del potenziale bisogno di farmaci per condizioni preesistenti, nonché della possibilità di effetti collaterali.

Quali sono gli effetti collaterali delle diete a basso contenuto calorico?

Le persone che seguono una dieta ipocalorica da 4 a 16 settimane, di solito riportano effetti collaterali minori come affaticamento, stitichezza, nausea e diarrea. Queste condizioni tendono a migliorare entro poche settimane e raramente impediscono alle persone di completare il programma.

I calcoli biliari sono il più comune effetto collaterale delle diete ipocaloriche e si verificano soprattutto durante la fase di rapida perdita di peso. Quando il corpo manifesta un deficit calorico, inizia a scomporre il grasso per ottenere energia. Il fegato poi secerne più colesterolo il quale, combinato con la bile, può formare calcoli biliari.

Share