Crostata crudista a base di semi e frutta

Crostata crudista a base di semi e frutta Ricette dietetiche

Siete crudisti ma non volete rinunciare a un buon dolce? Sappiate allora che il crudismo non va mica contro un’alimentazione gustosa e variegata, anzi! Qui di seguito vedremo quindi un esempio di dolce crudista: una crostata buona e sana, che proprio per via della sua natura crudista permette di assimilare tutte le proprietà degli ingredienti e di riscoprire sapori edulcorati.

Per trasformare questo dolce in una chiave crudista basta semplicemente sostituire la frolla a base di burro, uova e zucchero con i semi, i quali hanno un apporto naturale di grassi e oli e che non necessitano certo di essere elaborati!

Ingredienti:

  • 200 g di mandorle o di altri semi oleosi, come noci, nocciole e anacardi
  • 100 g di datteri o pasta di datteri
  • aroma: mezza stecca di vaniglia oppure cannella o zenzero in polvere
  • 100 g di latte di cocco
  • 2 cucchiai di sciroppo d’agave
  • 2 cucchiai di lecitina di soia o di chia
  • 300 g di anacardi tenuti a mollo in acqua per due ore abbondanti.

Preparazione:

Per preparare una crostata crudista basta introdurre i primi tre ingredienti a secco nel mixer e frullare alla massima velocità fino a quando la consistenza non diventerà quella di una pasta omogenea e oleosa. Questo è l’impasto, o meglio, la base da cui partirete per poi procedere con il condimento. Per fare in modo che la base rassetti per bene vi consigliamo di lasciarla riposare in frigo, per cui nel frattempo vi darete da fare con la seconda fase del procedimento, ossia con la realizzazione della farcitura.

A questo punto quindi bisogna lavorare la crema, perciò frullate gli anacardi ammollati in acqua, il latte di cocco, lo sciroppo di agave e la lecitina di soia (o la chia) fino a quando il composto non diverrà cremoso. Quindi stendete la crema ottenuta sulla base preparata nello step precedente. Quindi ponete il tutto in frigo per un’ora circa e guarnite con la frutta che preferite, chiaramente tagliata a fettine sottili.

A guarnizione avvenuta fate rassodare in frigo per un’altra ora abbondante. Dopo di che potrete servire la crostata fresca ai vostri commensali!

Share