Colpo di fulmine? Anche per le zanzare esiste.

Colpo di fulmine? Anche per le zanzare esiste. News e curiosità

Se è lecito chiamare “colpo di fulmine” un’attrazione mordace, ed irrefrenabile, di una fastidiosissima zanzara, sì. Il colpo di fulmine esiste anche per le zanzare. Pazzesche le conclusioni degli studi scientifici su cosa possa stuzzicare di più la “succhiasangue” ad essere calamitata verso una persona o l’altra. Ma sembra che i tesoretti abbiano anche la capacità di capire a che gruppo sanguigno apparteniamo e, sfogliando il menu, scegliere quello che è più buono e quello che è meno buono.

Strano, ma vero.

Si può essere predisposti geneticamente ai morsi delle zanzare?

Certo. Jerry Butler, uno studioso degli insetti (branca: entomologia) ha scoperto che le zanzare hanno le loro preferenze anche in fatto di dna, non solo di gruppo sanguigno. E’ proprio una questione di ormoni.

Volete avere le zanzare a pranzo, magari in qualche nuovo “manga” di vostro estro? Bene ecco cosa gradiscono di più:

  • Il gruppo sanguigno 0 è il preferito in assoluto.
  • Il gruppo sanguigno B è la seconda scelta
  • Il gruppo sanguigno A è proprio la scelta irrinunciabile, rispetto ad altri bocconcini migliori

Questo ci ha incuriosito non di poco. Ed abbiamo cercato di capire il perché di tale tendenza. Il gruppo 0 è quello sprovvisto di antigeni sulla membrana dei globuli rossi. E così arriviamo a scoprire che ogni gruppo sanguigno ha insito in sé una diversa capacità di assimilazione dei cibi. Avete mai visto il cartone animato “Il corpo umano” con i globuli rossi che hanno nella loro sacca l’ossigeno, i globuli bianchi nel loro ruolo di poliziotti? Mettiamoci nei panni dei nostri protagonisti ed immaginiamo che ognuno abbia diverse abilità e le sviluppi diversamente. Ecco, il gruppo 0 è quello che meglio assimila la carne e si vede che anche il sapore del sangue è diverso per le ghiotte zanzare. La carne rossa è invece taboo per il gruppo B.

Quindi, questo ci fa fare un’altra riflessione. Spesso si parla di diete (mediterranea, Fuhram, vegetariana, vegana) ma abbiamo mai preso in considerazione, più a fondo, il  diverso grado di assimilazione delle sostanze nutritive da parte del nostro organismo? Ammettiamo di voler fare una dieta a base di fagioli e lenticchie e di essere del gruppo 0. Questo sembra essere un grosso errore e se è vero quanto detto tale dieta ci costerebbe tanto sforzo e fatica per nulla.

Alcuni consigli per evitare le punture delle zanzare

Vediamo, a questo punto, a scanso dei fattori genetici e fisiologici (sembra che le zanzare siano attirate anche da chi è in sovrappeso più delle persone magre), cosa dovremmo fare per evitarle:

  • I vestiti di colore scuro, di specie il rosso ed il nero, attirano le zanzare. Meglio indossare abiti di colore bianco
  • Se si è sudati o si ha appena concluso una sessione di palestra, meglio farsi una doccia prima di uscire o riposarsi un po’. Anche il respiro affannoso può attirare le zanzare. Se proprio non si può, meglio indossare abiti traspiranti e lasciare “respirare” un po’ la pelle
  • Non uscire a piedi scalzi o troppo scoperti in orari in cui ci sono i ghiotti insetti. Preferiscono, in particolare, le zone del corpo più suscettibili alla formazione di assembramenti batterici. Forse, tra amici si salutano
  • Le zanzare sono attirate dalla temperatura corporea. Quindi, se abbiamo mandato giù qualche bicchierino di troppo, siamo dei bocconcini più appetibili.

Ancora, in stato sperimentale, la ricerca da laboratorio ma sembra proprio che ognuno di noi è in grado di emettere, senza accorgersene, delle sostanze che fungono da “insetticida” per le zanzare, chi più, chi nulla, chi meno. E gli scienziati stanno ancora cercando di capire quali siano queste sostanze. Una volta che l’avranno capito risolveremo il secolare problema delle punture da zanzare, tenendo conto che alcune di esse sono portatrici di brutte malattie, anche mortali?

Share