Calendario vaccinazioni, quali le obbligatorie

Calendario vaccinazioni, quali le obbligatorie Medicina

 

Il calendario vaccinazioni è una guida molto importante per capire quali sono i vaccini ai quali sottoporsi obbligatoriamente dalla nascita fino poi all’età più adulta. Bisogna dire però come esistano anche vaccinazioni volontarie, quelle che non sono assolutamente obbligatorie e alle quali ci si può sottoporre semplicemente perché si ha intenzione di proteggere al meglio il proprio organismo.

 

Vaccinazioni obbligatorie

Il calendario vaccinazioni solitamente ingloba sia quelle obbligatorie che quelle volontarie, sta poi al paziente scegliere se puntare anche su quest’ultime. E’ importante sapere come però il calendario vaccinazioni sia costantemente aggiornato, visto come negli anni il progresso scientifico e medico sia sempre in evoluzione. Quali sono quindi le vaccinazioni obbligatorie? Si parla di antidifterica, antitetanica, antipoliomelitica, antiepatitevirale B, mentre le altre sono tutte appartenenti all’ambito delle vaccinazioni volontarie. Solitamente l’antidifterica e l’antitetanica sono somministrati insieme attraverso il vecchio vaccino combinato (DT) oppure attraverso il vaccino trivalente antidifterico-tetanico-pertossico (DTP). Il calendario vaccinazioni è utile anche per comprendere a che età bisogna iniziare con tali vaccinazioni, avere quindi una linea guida ben precisa da seguire.

 

Vaccinazioni volontarie

Solitamente si inizia dal terzo mese di vita per poi seguire un ciclo della stessa vaccinazione fino al sedicesimo anno di vita. Attraverso il calendario vaccinazioni è delineato l’intero processo di questi vaccini, soprattutto a quanti mesi avvengono. I vaccini facoltativi sono invece: la pertosse, il morbillo, la parotite, la rosolia e quella contro l’Haemophilus influenzae b. La vaccinazione contro il morbillo può essere singola oppure associata alla vaccinazione antiparotite e antirosolia (vaccino MPR). E’ però opportuno che tale vaccino avvenga entro i due anni d’età.

Share