Nasce la super colla chirurgica che chiude le ferite in 60 secondi!

Nasce la super colla chirurgica che chiude le ferite in 60 secondi! News e curiosità

I punti di sutura insieme ad aghi, graffette e fili diventeranno un lontano ricordo. Dopo più di un secolo in cui il chirurgo richiude le ferite dopo gli interventi con conseguente insidie come nel caso di tessuti e organi interni, difficili da raggiungere, in continuo movimento e su cui c’è poco spazio per intervenire, dalla ricerca internazionale arriva una super-colla chirurgica molto elastica e dall’elevato potere adesivo, in grado di sigillare le ferite in appena 60 secondi.

A mettere a punto il ritrovato, che si applica direttamente sulla ferita con una siringa e viene attivata dalla luce, sono gli ingegneri biomedici dell’Università di Sidney, della Northeastern University, dell’Harvard University e del Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston. La super-colla, ‘battezzata’ MeTro, è descritta in uno studio su ‘Science Traslational Medicine’.

Non è però il primo prodotto di questo tipo in quanto sono già in uso sostanze adesive biochimiche per richiudere le ferite, ma si tratta di composti ancora perfettibili. Un sigillante deve essere elastico, adesivo, non tossico e biocompatibile. La maggior parte dei sigillanti attualmente sul mercato invece possiede un paio di queste caratteristiche, ma non tutte. Questa mancanza è stata ovviata della creazione di questo materiale il quale può essere utilizzato sia su ferite interne che esterne, in grado di trattare lesioni a polmoni, arterie e cuore. Trattato con la luce Uv si attiva in 60 secondi.

Questa tecnologia rivoluzionaria si basa su un enzima il quale può determinare la durata della sutura che varia da poche ore a svariati mesi; in poche parole varia in base al tempo che occorre ad una ferita per saturarsi. La sperimentazione avvenuta sugli animali ha dato un enorme successo: le arterie e i polmoni di roditori e maiali si sono saturate senza alcun effetto collaterale o perdita di liquido.

La super-colla combina le tecnologie proteiche elastiche sviluppate dal team di Anthony Weiss dell’Università di Sydney con quella delle molecole sensibili alla luce studiata da Ali Khademhosseini di Harvard.

“La bellezza della formulazione” della super-colla “è che, appena entra in contatto con la superficie dei tessuti – spiega Nasim Annabi, primo autore dello studio – solidifica in una fase simile a gel senza ‘colare via'”. Con potenziali applicazioni che vanno dalle gravi ferite interne, ai traumi stradali, alle ferite di guerra. La prossima fase di ricerca prevede ora i test clinici. “Siamo pronti a trasferire i nostri risultati nella fase degli studi sull’uomo. Spero – conclude Weiss – che MeTro potrà presto essere usata nella clinica, per salvare vite umane”.

Share