I vari tipi di dermatite

I vari tipi di dermatite Malattie

Esistono diverse tipologie di dermatite dovute a cause diverse, ma molto spesso con sintomi comuni.

Tra le tipologie di dermatiti più popolari troviamo:

– Dermatite allergia
– Da contatto
– Seborroica
– Atopica

 

I principali sintomi

Le dermatiti causano fastidi come, prurito, bruciore e formazione di vescicole che possono causare anche delle lesioni, anche se ogni tipologia presenta poi, dei disturbi specifici e i sintomi possono manifestarsi su mani, piedi e nella zona periorale ( sul viso intorno alla bocca).

Quali sono le tipologie di dermatite

La dermatite in termini tecnici è chiamata eczema costituzionale; analizziamo le diverse tipologie.

Le persone che soffrono di dermatite atopica, hanno una forma cronica dall’ andamento altalenante (a periodi di manifestazione acuta seguono periodi di miglioramento) caratterizzata da pelle piuttosto sensibile e irritata, con la presenza di eczemi e a volte anche lesioni. Nella maggior parte dei casi la pelle è secca ed arrossata e può cospargersi di chiazze e croste che provocano molto prurito.Questa tipologia di dermatite generalmente colpisce i bambini fino all’ adolescenza, mentre è minore la percentuale di adulti che ne soffrono.

Nella dermatite seborroica la patologia si manifesta con la formazione di eritemi, placche di cute grassa, unta e giallastra, soprattutto nelle zone ricche di ghiandole sebacee. Generalmente la zona colpita è il cuoio capelluto, ma può manifestarsi anche su ascelle, sopracciglia, nell’inguine. le cause di questa tipologia di dermatite sono ancora non del tutto conosciute, comunque possiamo affermare che colpisce generalmente persone affette da malattie neurologie, da virus dell’HIV, oppure può comparire in seguito ad un forte periodo di stress, acutizzandosi durante il periodo invernale.

La dermatite da contatto si manifesta quando la pelle entra in contatto con sostanze nei confronti delle quali ha sviluppato una reazione allergica (l’allergia da contatto può insorgere anche dopo molti anni di vita senza che si sia manifestata alcuna allergia. Si manifesta tramite una irritazione della zona che viene a contatto con la sostanza irritante, provocando rossore, gonfiore, vescicole e crosticine, con conseguente prurito.

Le cure disponibili

Non esistono delle vere terapie da seguire ma delle cure sintomatiche, create per tenere sotto controllo i sintomi limitando al massimo i fastidi. Dopo una visita dermatologica, si può ottenere la prescrizione di farmaci ad uso topico a base di cortisone e antistaminici.
Quando si è in presenza di un’infezione batterica o di una micosi, sarà necessario contrastare il processo infettivo. Se può esservi d’aiuto considerate anche dei rimedi naturali, che possono offrire una valida alternativa a quelle farmacologiche come pomate a base di calendula, camomilla e gel di aloe vera per avere un contrasto immediato della situazione e ottenere un’azione antinfiammatoria naturale.

Il consiglio è quello di resistere al prurito, se possibile, applicare la pomata prescritta anche più volte al giorno ma non cadere nella trappola di grattare le bolle con siero, che scoppieranno e andranno ad infettare altre zone dei piedi o delle mani sane.
questa situazione si manifesta maggiormente soprattutto ai piedi, a causa di elevate produzioni di sudore da parte delle ghiandole sebacee.
Inoltre, bisogna fare attenzione ai periodi di stress, visto che sono i principali alleati della comparsa di dermatiti.

Share