Vaccini bloccati in Austria e Spagna

Vaccini bloccati in Austria e Spagna Farmaco

Si è verificato, nelle ultime ore, un blocco di vaccini  antinfluenzali, sia in Italia, che in molte altre nazioni europee. Infatti, il blocco di alcuni lotti del vaccino Flaud è collegato al verificarsi di alcune morti ha messo in allarme molte nazioni tra cui Austria e Spagna.

Visto che nel resto del mondo il vaccino della Novartis è in fase di utilizzo per la campagna anti influenzale 2014-2015, Austria, Germania e Spagna sono preoccupate che i danni provocati fino ad ora, possano raggiungere anche loro e causare moti improvvise.

E’ un situazione allarmante della quale ne parlano i quotidiani di tutto il mondo: il Kleine parla delle indagini svolte in Italia dopo i decessi e della sicurezza confermata dall’Ages, in quanto gli effetti collaterali non hanno delle contro indicazioni eccessivamente gravi.
Attualmente l’Austria è a stretto contatto con l’Italia e non ha nessuna intenzione di allentare i controlli relativi alle dosi in circolazione.

Il Flaud, bisogna comunque sottolineare, è stato approvato nel 1997 e testato diverse volte su centinaia di persone senza creare problemi di alcun tipo.

Attualmente sappiamo che sono state rilasciate 65 milioni di dosi in tutto il mondo e la paura raggiunge diverse nazioni, ma la sanità cerca di non creare situazioni di allarmismo generale.

Come reagiscono le nazioni al blocco dei vaccini

Secondo il Kurier, quotidiano austriaco, bisogna avere la massima attenzione sul problema, nonostante i lotti distribuiti nei Paesi europei non sono gli stessi distribuiti in Italia.
Inoltre i vaccini “incriminati” sono quelli preparatati nella sede Novartis in Toscana, quindi le altre nazioni dovrebbero poter non avere problemi di nessun tipo. La Spagna cosa ne pensa di questa situazione? La notizia è stata pubblicata sul quotidiano La Vanguardia, dove i lettori vengono rassicurati confermando che le dosi sospette sono state rilasciate sono in Italia e non all’estero.
Insomma l’Estero teme che i vaccini con problemi vengano rilasciati anche nei loro territori, quindi Spagna e Austria sono già pronte a bloccare la situazione. L’Italia resterà fuori dai cerchi ancora una volta, senza poter contare su alcun appoggio? Purtroppo la situazione sta diventando sempre più triste, la gente ha paura e nel dubbio non si vaccina, cosa accadrà?

Vaccini difettosi solo in Italia

Ricordiamo che ogni anno in Italia migliaia di pazienti dicono no al vaccino e non muoiono, mal che vada si prendono l’influenza e stanno a letto.

Quindi per noi è inammissibile creare tutto questo business di parole che alla fine non porta da nessuna parte. Ogni cittadino è libero di scegliere con la propria testa, quindi non vi resta che fare la vostra scelta, chiedendo prima di tutto informazioni sul vaccino al medico, informatevi se non faccia parte di quel gruppo di vaccini sconsigliati e alla fine prendete la vostra decisione. In ogni caso bisogna agire con tranquillità, nel caso ci fossero davvero dei vaccini poco efficaci e mortali, il Ministro della Sanità sarebbe il primo ad eliminare ogni genere di minaccia dal commercio, perché non crederci?

Share