Sideremia alta: cause, rimedi e sintomi da eccesso di ferro

Sideremia alta: cause, rimedi e sintomi da eccesso di ferro Malattie

La sideremia alta è un termine che sta a descrivere quella condizione in cui si registra un’eccessiva quantità di ferro nel sangue, ovvero una quantità di ferro che supera i 150-160 mgc/dl per gli adulti e i 119 mgc/dl per i bambini. Il ferro è sicuramente molto importante per il nostro organismo, ma se è vero che non fa certo bene non averne affatto, è anche vero che averne troppo può procurare qualche problema: un eccesso di ferro nel sangue può tradursi in diversi sintomi a carico delle ossa, del cuore, del metabolismo e del sistema nervoso. Analizziamo quindi un po’ più nel dettaglio la questione.

Sintomi – I sintomi della sideremia alta possono interessare il sistema nervoso, traducendosi in una sensazione di generale affaticamento e di disturbi dell’umore. Se invece la condizione compromette la salute ossea, allora il soggetto affetto da eccesso di ferro può arrivare a soffrire di osteoartrite, osteoporosi e dolori articolari; mentre nell’ipotesi in cui dovesse essere il cuore l’organo più colpito, ecco allora che la sideremia alta potrebbe provocare angina pectoris, aritmia e insufficienza cardiaca. Per quanto riguarda la pelle, alti valori di ferro possono provocare un colorito più scuro della cute e persino la perdita di capelli. Effetti, però, ci sono anche su fegato e milza che appaiono in questo caso più grossi del normale.

Cause – Le cause di questa condizione sono strettamente legate, appunto, all’eccesso di ferro. L’eccesso di ferro può dipendere a sua volta da una dieta eccessivamente ricca di cibi che contengono questo minerale, per cui diciamo che una dieta ricca di pesce, di carne e legumi può certamente fare da apripista alla sideremia alta. Alcune volte il problema può anche essere causato da anemia e da una crisi emolitica, mentre in altri casi ancora possono persino essere i farmaci i fautori di questo squilibrio (estrogeni e pillola contraccettiva in primis).

Rimedi – Solitamente dinanzi alla sideremia alta il medico è solito prescrivere una terapia farmacologica basata sui chelanti, ovvero su farmaci che “catturano” il ferro in eccesso eliminandolo dall’organismo. Se si soffre di anemia sideroblastica ci si deve sottoporre invece alla somministrazione di vitamina B6, elemento indispensabile per far sì che l’organismo possa produrre globuli rossi normali. E poi è chiaro: il rimedio alla sideremia alta non può non prescindere da un cambiamento del proprio stile di vita alimentare, per cui chi soffre di ferro in eccesso deve ridurre proteine animali e aumentare invece i cibi ricchi di fibre.

Share