Farsi belle, dormendo: come dimagrire con il sonno

Farsi belle, dormendo: come dimagrire con il sonno Dieta

All’interno di un articolo pubblicato dalla Gazzetta dello Sport del 1° Maggio 2012, è stato dato ampio spazio a un argomento di cui probabilmente molti di voi non conoscevano ancora la veridicità: in quello che risulta essere uno stile di vita sano ed equilibrato, infatti, le ore spese dormendo sono fondamentali.
In particolar modo, secondo l’articolo sopra citato, chi dorme di più, ha maggiori possibilità di raggiungere il peso forma desiderato e di mantenerlo costante nel tempo.
Eh già! Avete capito bene. Oltre che alimentandosi nella maniera più corretta possibile e dedicando allo sport alcune ore a settimana, è anche possibile dimagrire con il sonno.
“Da tempo – leggiamo sulla Gazzetta – è stato dimostrato come la mancanza di sonno faccia ingrassare per via dell’alterazione che va a prodursi tra due ormoni, la leptina, l’interruttore che mette fine al senso di fame e che con il buio abitualmente si assopisce, e la grelina che, viceversa, stimola l’appetito. Ma non è tutto. Nelle ore notturne il metabolismo rallenta e con lui il consumo delle calorie introdotte durante la giornata”.

I benefici del riposo: perché è possibile dimagrire con il sonno

Ma è veramente corretto affermare che è possibile dimagrire con il sonno? E quali risultati si possono raggiungere? Quali basi scientifiche fanno da fondamento a tale argomentazione? Infine, quante ore è necessario riposare per poter realmente dimagrire con il sonno?
A queste e a molte altre domande ha riposto un’indagine condotta da alcuni ricercatori dell’università della Pennsylvania e presentata durante “Sleep 2009”, il convegno delle Società di Medicina del Sonno tenutosi a Westchester (USA) qualche anno fa.
In seguito a tali studi, infatti, sarebbe emerso come riposo notturno e dieta alimentare siano strettamente collegati e come, dormendo poco e male, si possa arrivare a ingrassare anche di un chilo e mezzo a settimana.

E’ dunque possibile dimagrire con il sonno perché l’alterazione dei normali equilibri sonno/veglia porta a una maggior produzione di gelina, l’ormone che stimola l’appetito, a discapito della leptina, l’ormone che invece riduce il senso di fame. Chi dorme poco, si sveglia con una fame maggiore e, a causa del rallentamento del metabolismo (dovuto sempre alla mancanza di riposo), diventa più difficile durante il giorno smaltire le calorie introdotte.

Ma dimagrire con il sonno non è l’unica strada: i consigli per una dieta di successo

Se da una parte, dunque, è scientificamente dimostrata la possibilità di dimagrire con il sonno, è bene sottolineare che una dieta di successo non può basarsi solamente su tale convinzione.
La giusta quantità di riposo, infatti, non si sostituisce a un regime dimagrante, ma fa semplicemente da aiuto per tutti coloro che mirano a raggiungere i risultati tanto desiderati.
Anche dormire troppo, del resto, potrebbe portare squilibri nell’alimentazione tali da causare l’accumulo di peso e, a tal proposito, il giusto numero di ore in cui riposare ogni notte per dimagrire con il sonno sarebbe di 8.
Al meritato riposo, poi, vanno aggiunte la giusta quantità di attività fisica e una dieta equilibrata, che privilegi frutta e verdura a discapito di grassi e zuccheri e che prevede la corretta coesistenza di carboidrati e proteine.

Per maggiori informazioni sull’argomento “dimagrire con il sonno su: http://www.gazzetta.it/Fitness/Corpo_psiche/01-05-2012/tutti-vantaggi-sonno-salutare-fa-dimagrire-911093778102.shtml

Share