Bambini vegani in aumento: attenzione alle carenze nutrizionali

Bambini vegani in aumento: attenzione alle carenze nutrizionali Dieta

I bambini vegani sono in considerevole aumento. Ad oggi si conta che in Italia quasi una persona su dieci adotti un regime alimentare privo della carne e dei suoi derivati, e spesso e volentieri laddove c’è un adulto che ne fa uso, c’è anche un bambino a cui questo stile di vita viene imposto come di conseguenza.

Partendo dal presupposto che ciascuno di noi ha tutto il diritto di scegliere di cosa cibarsi, i pediatri raccomandano alcune regole da seguire affinché in una dieta vegan non vengano a mancare dei nutrienti molto importanti per la crescita sana: la vitamina B12, ad esempio, che in genere assumiamo tramite carne, pesce, uova e latte, va reintegrata in altre forme perchè parliamo di una sostanza che laddove viene a mancare può compromettere la formazione dei neuroni!

Inoltre sono sempre più numerosi i casi di bambini che sono in carenza di questo o di quel nutriente, e che per questo rischiano di incorrere in anemie, nella fragilità ossea, nell’apatia, nella sonnolenza, nell’atrofia, nel ritardo psicomotorio, negli svenimenti, e nell’incapacità di rispondere agli stimoli. Considerando quindi che le carenze sono un fenomeno ormai diffuso su larga scala anche in bambini che abbracciano una dieta “tradizionale”, è chiaro che l’attenzione, nello specifico ambito vegan, non possa che essere almeno tre volte tanta.

Ma allora come regolarsi per fare in modo che i piccoli di casa mangino tutto ciò di cui hanno bisogno? Nel caso degli onnivori la risposta è quanto mai semplice: al netto di eventuali intolleranze, bisogna semplicemente fare in modo che al bambino venga proposta una dieta quanto più variegata. Ciò significa che frutta e verdura non devono mai venire a mancare, e che pesce, carne, uova e latticini possono alternarsi in maniera omogenea senza farsi troppi problemi di sorta.

Diverso è il caso dei bimbi vegani che non mangiando parecchi alimenti che sono parte dell’immaginario collettivo, si ritrovano a dover fare i conti con un menù sicuramente più selettivo. Prendersi la responsabilità di stilare una dieta vegana che possa dare ai bambini ciò di cui hanno bisogno è responsabilità non da poco, per cui suggeriamo di farsi seguire da un nutrizionista per far fronte a questo genere di necessità!

Share