Prevenire l’ictus: ecco quali sono i sintomi da riconoscere

Prevenire l'ictus: ecco quali sono i sintomi da riconoscere Malattie
Prevenire l’ictus, è possibile?
Per tutti coloro che non sono molto informati sull’ictus o sul colpo apoplettico, è fondamentale comprendere come sia una delle più diffuse cause di morte, classificandosi al terzo posto in questa drammatica classifica, dietro le malattie cardiovascolari e le neoplasie.
Prevenire l’ictus non è così semplice, dal momento che piuttosto frequentemente i sintomi tendono a manifestarsi all’improvviso: proprio per tale ragione, è fondamentale fare attenzione ad ogni segno lanciato dal nostro corpo e gli Ictus Sintomi Premonitori, in modo tale da intervenire immediatamente e contattare subito il proprio medico.
Prevenire l’ictus, infatti, salva la vita: nel caso in cui si riuscisse ad intervenire entro tre ore dal momento in cui si è verificato il primo sintomo, si alzano le probabilità di salvare la persona colpita.

Prevenire l’ictus: le cause

Tra le varie cause dell’ictus, ce ne sono alcune che meritano particolare attenzione, dal momento che si possono tenere sotto controllo ogni giorno: si tratta, ad esempio, di alti livelli di colesterolo, trigliceridi, diabete e ipertensione.
Proviamo a capire quali siano i migliori consigli da seguire per un’ottima prevenzione dell’ictus. In primo luogo armarsi di buona volontà o farsi aiutare e smettere di fumare; in secondo luogo, è importante fare attività fisica con costanza, non farsi mai mancare la razione quotidiana di frutta e verdura.
Tra gli altri consigli da adottare a tavola per una migliore prevenzione nei confronti dell’ictus c’è anche quello di mangiare pesce con una frequenza di almeno due volte a settimana, ma anche cercare di utilizzare sempre meno il sale e i grassi e, infine, consumare con una buona frequenza latte e derivati.
Dal momento che questo attacco apoplettico, in certe occasioni, può avere anche natura ereditaria, allora diventa fondamentale prestare il massimo livello di attenzione possibile.

Prevenire l’ictus: i sintomi

Vediamo di capire, adesso, quali come prevenire l’ictus e quali siano i sintomi riconoscibili(ricordiamo che i Tia sintomi sono considerati ormai gli stessi), con cui bisogna agire in modo più celere.
Il primo sintomo per prevenire l’ictus è, senza ombra di dubbio, rappresentato dall’afasia o disartria: in poche parole, la persona non riesce a trovare le parole oppure a non comprendere quello che le dice un’altra persona, ma anche parlare in modo completamente errato.
Tra gli altri Ictus Cerebrale Sintomi, la cui comprensione in breve tempo permetterebbe di intervenire tempestivamente e prevenire l’ictus, troviamo la perdita della sensibilità di metà di una parte del corpo (ci può essere anche un formicolio), ma anche l’emiparesi, ovvero l’assenza di forze in metà del corpo, così come la riduzione improvvisa della vista (anche per quanto riguarda solamente un occhio).
Nel momento in cui si dovessero verificare gravi emorragie, un altro sintomo è rappresentato da un potente mal di testa che compare vicino alla nuca, così come una lingua estremamente gonfia e capace solo di spostamenti laterali.
Ricordiamo come, al giorno d’oggi, non esiste più la distinzione con la Tia (Ictus Ischemico Transitorio), che viene considerata alla stregua di un’ischemia.
Prevenire l’ictus, quindi, è molto meglio che curarlo.

Share