Perché l’assistenza sanitaria Usa costa di più di quella europea

Perché l'assistenza sanitaria Usa costa di più di quella europea Medicina

I dati non mentono: il sistema sanitario americano è meno efficiente di quello europeo ed anche più costoso. Il totale dei costi sanitari statunitensi nel 2016 si è aggirato intorno ai 3,3 trilioni di dollari, ossia 10.348 dollari a persona. Nei 10 paesi europei più industrializzati la cifra a persona si aggira intorno ai 4.386 euro.

Non solo questo: l’aspettativa di vita è in calo negli Stati Uniti rispetto a paesi come Regno Unito, Germania e Francia. Le ragioni di questa discrepanza risiedono nella cattiva alimentazione degli americani, mancanza di esercizio fisico, costo elevato dei prodotti farmaceutici. E’ doveroso rimarcare che, a differenza di molti paesi, negli USA l’assistenza sanitaria non viene considerata un diritto umano universale da parte dell’establishment politico.

Le perplessità su questa direttiva politica aleggiano da sempre in Europa. Dopo la seconda guerra mondiale molti europei consideravano il diritto alla salute umanamente fondamentale, così come era stato riconosciuto dalla Dichiarazione universale sui diritti umani del 1948 e dal Patto internazionale relativo ai diritti economici, sociali e culturali del 1966.

L’antipatia degli americani per l’assistenza sanitaria universale è in parte dovuta ai costi percepiti, alla paura del comunismo e del socialismo (“medicina socializzata”) e all’opposizione storica dell’American Medical Association. Un altro motivo potrebbe essere perché gli Stati Uniti non hanno subito le conseguenze della Seconda Guerra Mondiale tanto o allo stesso modo dell’Europa, con edifici infrastrutture completamente demoliti. Inoltre, molti americani hanno ottenuto l’assistenza sanitaria pagata dai loro datori di lavoro. Quindi, l’assistenza sanitaria come diritto umano non sembrava necessaria.

Con la presidenza Obama le cose sono un po’ cambiate. Tutti (o quasi) i piani di assistenza sanitaria degli Stati Uniti erano e sono ancora tenuti a offrire almeno 10 benefici essenziali per la salute, inclusa la gravidanza e la maternità (gli Stati Uniti hanno anche un tasso di mortalità infantile alto rispetto ad altre nazioni), disturbi della salute mentale e dell’uso di sostanze stupefacenti, cure preventive e gestione delle malattie croniche e servizi di emergenza.

Alcuni uomini (presumibilmente, gli scapoli) si oppongono al fatto di essere tenuti a pagare i servizi di maternità perché non partoriscono personalmente; molti non tossicodipendenti continuano a considerare che pagare la dipendenza da droghe ad altri aiuti a premiare i drogati piuttosto che curare i malati. Eliminare tali benefici, tuttavia, non ridurrebbe sicuramente i costi.

Secondo un’analisi della società attuariale Milliman, almeno due terzi dei costi sono dovuti a tre voci in particolare: ambulatoriale (servizi che non richiedono il ricovero in ospedale), ricovero in ospedale (chirurgia, pernottamenti) e farmaci da prescrizione. Tagliare le altre sette categorie non servirebbe a nulla.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi