Cannabis legale: l’utilizzo terapeutico

Cannabis legale: l’utilizzo terapeutico News e curiosità   Ha avuto ampia diffusione anche in Italia la cannabis a basso contenuto di THC, chiamata comunemente Cannabis Legale. Il motivo di questa locuzione è semplice: da regolamenti italiani ed europei non vi è il divieto di consumo di cannabis che contenga percentuali di THC inferiori allo 0,2% sul prodotto secco. Le tipologie di cannabis con questa caratteristica sono numerose, dette anche cannabis light; il consumo ha effetti particolari, che possono renderla interessante anche dal punto di vista terapeutico.

La cannabis legale e la cannabis terapeutica

La cannabis legale e la cannabis terapeutica non sono il medesimo prodotto, anche se per talune problematiche i due concetti si vanno ad incontrare. La cannabis terapeutica è canapa che contiene percentuali importati di THC, utilizzata dietro prescrizione medica per alcune particolari patologie. I cannabinoidi in essa contenuti permettono infatti di diminuire i dolori, la nausea e la mancanza di appetito derivanti da cure chemioterapiche o da particolari cure farmacologiche, come ad esempio le cure di chi è affetto da HIV o da AIDS conclamato. Nella cannabis però i cannabinoidi presenti sono due: il THC, il cui consumo è vietato dalla legge; e il CMB, che non ha effetti allucinogeni. Nella cannabis legale il THC è disponibile in quantità risibili, mentre la pianta risulta ricca di CMB. Questo cannabinoide, pur no navendo proprietà allucinogene, permette di ottenere alcuni effetti interessanti dal punto di vista terapeutico.

Il cannabidiolo e i suoi effetti

La cannabis legale viene anche detta “la canapa che non sballa” da chi ne fa utilizzo. Grazie alla presenza di cannabidiolo infatti si ottengono gli effetti di piacevole rilassamento della cannabis, senza le controindicazioni. L’uso di questo tipo di canapa ha quindi interessanti impieghi anche dal punto di vista terapeutico. Il CMB infatti viene usato con successo nel trattamento di disturbi psichiatrici, ma anche nel caso di crisi epilettiche; il cannabidiolo diminuisce la pressione all’interno dell’occhio e ha dimostrato di poter essere utilizzato con successo come blando antidolorifico, per alleviare problematiche correlate alle convulsioni, a problemi del sonno o alle crisi psicotiche.

Come si utilizza la cannabis legale

La cannabis legale è disponibile in Italia in alcuni negozi specializzati nella vendita di prodotti preparati con questa erba, legalmente autorizzati. Proprio la totale mancanza di effetti collaterali, dovuta all’assenza di THC nella formulazione del prodotto, consente di usare la cannabis legale come si preferisce. Su smartjoint24.com troviamo infiorescenze essiccate, oppure anche piccole piante di canapa light di diverse varietà, oltre ad alimenti con aggiunta di polvere di canapa light. Stiamo quindi parlando della possibilità per numerosi malati che soffrono delle più varie patologie non solo di acquistare la cannabis light come e quando credono, senza ricetta medica, ma anche di utilizzarla liberamente senza incorrere in spiacevoli disguidi con le forze dell’ordine. Si tratta infatti di un prodotto totalmente legale ed autorizzato.

Share