Tutto sulla crusca d’avena

crusca davena Tutto sulla crusca davena

Elemento cardine della dieta Dukan, che ne prevede il consumo giornaliero in una quantità pari a ben due cucchiai, la crusca d’avena veniva fino a pochi anni fa impiegata esclusivamente come cibo per animali.
Date le sue importantissime proprietà, invece, si è assistito nel giro di pochissimo tempo a una rivalutazione di un alimento tanto semplice quanto straordinariamente salutare. In grado in fatto di favorire la peristalsi e regolare il transito intestinale, ridurre il colesterolo e prevenire malattie ostiche quali diabete e cancro al colon-retto, la crusca d’avena è uno dei cereali più importanti tra quelli impiegati all’interno della cucina e dell’alimentazione in generale.
Si ottiene decorticando i chicchi di avena e può essere consumata cruda (nel latte, nello yogurt, negli infusi, nella minestra o nelle insalate) o miscelata alla farina di grano tenero per la preparazione del pane e dei prodotti fornari.

Le proprietà della crusca d’avena

La crusca d’avena è caratterizzata principalmente dalla presenza di fibre in grado di apportare una sensazione di sazietà all’organismo (specialmente durante le diete ipocaloriche) e di avere addirittura un effetto dimagrante. Assorbita dalla saliva e giunta presso lo stomaco, infatti, la crusca d’avena assorbe moltissima acqua (generando sazietà) e, dopo l’attacco dei succhi pancreatici, della bile e dei succhi gastrici, “crea una sorta di fuga calorica nel sistema digestivo che, non solo intrappolerà il colesterolo, ma frenerà la penetrazione degli zuccheri semplici, provocando la perdita di una quantità di calorie che, senza la crusca d’avena, sarebbero state altrimenti assimilate dall’organismo (Pierre Dukan).”

Dimagrire con la giusta crusca d’avena

Come leggiamo sul sito appositamente dedicato alla dieta Dukan, affinché una crusca d’avena sia di ottima qualità e apporti tutti i benefici sopra descritti, è necessario che venga messa in commercio dopo essere stata setacciata 6 volte e con macinazione bis (in modo da avere il miglior contenuto di glucidi ad assorbimento rapido).
Essendo però la crusca d’avena tendenzialmente inodore e insapore, viene la maggior parte delle volte venduta al pubblico con una miscelatura e una setacciatura decisamente superficiali, in modo le sue proprietà gustative siano toccate il meno possibile.

fonte: www.dietadukan.it

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>