L'intervento all'alluce valgo

intervento allalluce valgo L'intervento all'alluce valgo

L’intervento all’alluce valgo mira a correggere una deformità del piede causata dalla deviazione verso l’esterno della testa del primo metatarso. Caratterizzato da una protuberanza nota in gergo anche come “cipolla”, provoca una vera e propria deviazione del dito che può spesso causare di dolore e fastidio nell’indossare determinate calzature e nel camminare.
Alla base di tale deviazione ci sono senza ombra di dubbio cause di familiarità e di predisposizione genetica insite nei nostri cromosomi. Non di rado, infatti, chi in famiglia ha nonni o genitori afflitti da alluce valgo tende col tempo a sviluppare la stessa deformità.
Per correggere il suddetto disturbo si può ricorrere all’intervento all’alluce valgo e a tal proposito vediamo, di seguito, in cosa l’operazione consista esattamente e a quali risultati essa possa condurre chi vi si sottopone.

Perché ricorrere all’intervento all’alluce valgo

Poiché nei pazienti afflitti da alluce valgo il piede lavora in maniera scorretta, è molto frequente che il primo metatarso finisca per infiammarsi causando sgradevoli sensazioni di dolore. A causa di tale sovraccarico del peso, inoltre, il fastidio può non di rado espandersi anche al secondo e al terzo metatarso, comportando purtroppo brutte callosità.
L’iperlordosi, ancora, è un’altra conseguenza piuttosto spiacevole che potrebbe far vedere di buon occhio un intervento all’alluce valgo: un modo sbagliato di camminare, infatti, influenza anche la postura e il muscolo scheletrico. Borsiti da sfregamento, tendenza al valgismo, limitazione nella rotazione delle anche e predisposizione a lombalgia cronica completano il quadro di un disturbo di certo molto sgradevole.
Ecco perché dunque, in alcuni casi, potrebbe risultare decisamente molto conveniente ricorrere all’intervento all’alluce valgo.

L’intervento all’alluce valgo e i risultati raggiunti dalla chirurgia moderna

Negli ultimi anni, la medicina e la chirurgia hanno fatto passi veramente da gigante relativamente all’intervento all’alluce valgo. Tramite infatti piccole sezioni di precisione (anche a coda di rondine) effettuate direttamente sull’osso, l’intervento all’alluce valgo mira a riallineare la deformità del primo metatarso senza intaccare minimamente l’articolazione. In alcuni casi, l’intervento all’alluce valgo può consistere anche nell’asportazione di un piccolo cuneo osseo della falange (tecnica comunque decisamente poco invasiva).
I risultati della chirurgia moderna sono davvero soddisfacenti e garantiscono quanto più possibile il riallineamento del primo metatarso (con conseguente sgravio dalla fastidiosa sintomatica sopra descritta), la scomparsa di protuberanze e borsiti, la possibilità di indossare finalmente tutte le tipologie di calzature, il ripristino del normale funzionamento delle arterie e la possibilità per il piede di essere appoggiato a terra in modo finalmente corretto, in modo da escludere eventuali  e rilevanti problemi di postura.

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>