Le terapie per la protrusione discale

1x1.trans Le terapie per la protrusione discale

Quando sono necessarie terapie per la protrusione discale

Prima di elencare e descrivere quali siano le più adeguate terapie per la protrusione discale, è bene fornire una spiegazione clinica di quello che è il problema, di quali siano i suoi sintomi e di quali conseguenze essi possano rivelarsi causa.

Per protrusione discale si intende dunque una discopatia, meglio definibile come una deformazione dei dischi della colonna vertebrale, a seguito delle più svariate ragioni (tra le più frequenti citiamo una serie di sforzi eccessivi, traumi, età che avanza, movimenti sbagliati, postura scorretta, predisposizione genetica e sedentarietà).
Tra una vertebra e l’altra, infatti, sono posizionati dei dischi allo scopo di non far urtare e stridere tra di loro le ossa. Tali dischi sono per la nostra colonna vertebrale degli ammortizzatori in grado di proteggerla e conservarla sana e in buona salute.
Quando si logorano, assistiamo ad un rigonfiamento che, generando una pressione sui nervi circostanti, crea dolore.
Se la suddetta dilatazione interesserà solamente la parte più esterna del disco, sarà necessario dunque iniziare alcune terapie per la protrusione discale.

Le migliori terapie per la protrusione discale

A seguito di una TAC o di una risonanza magnetica, il medico curante potrebbe consigliare alcune terapie per la protrusione discale.
Nei casi meno importanti, il problema scompare in 2-3 mesi grazie all’assunzione di antidolorifici e antinfiammatori alla cui azione vengono associate sedute di fisioterapia, yoga o ginnastica posturale.
Nelle situazioni più gravi, invece, le terapie per la protrusione discale possono consistere in radiofrequenze decompressive (attraverso il calore di onde magnetiche), artroscopia discale (asportando parte del disco da un taglietto sulla pelle), laser-nucleotomia (inserendo un laser a diretto contatto con la parte polposa del disco al fine di vaporizzarlo) e microdiscectomia (asportando il disco tramite una cannula da un’incisione di circa 3 cm.

 

One Response

  1. vamessa 7 aprile 2013

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *