Come e perché donare il cordone ombelicale

1x1.trans Come e perché donare il cordone ombelicale

A differenza di quanto accadeva anni fa, oggi tutti sono a conoscenza dell’importanza rivestita dal cordone ombelicale e di come la sua conservazione possa essere definitiva per salvare delle vite.
Nel cordone ombelicale, infatti, e precisamente nel sangue che lo irrora, sono contenute in maniera molto cospicua le cellule staminali emopoietiche (presenti anche nel midollo osseo), indispensabili per la rigenerazione di globuli bianchi, globuli rossi e piastrine.
Di seguito, dunque, vedremo come mai è estremamente importante donare il cordone ombelicale e a chi ci si può rivolgere per attuare tale pratica.

Perché donare il cordone ombelicale

Proprio per la presenza in esso di cellule staminali emopoietiche, dunque, donare il cordone ombelicale è un atto di altruismo decisamente molto importante. Alcune malattie, come grave anemia o leucemia, infatti, determinano l’impossibilità da parte dell’organismo di generare il sangue necessario alla sopravvivenza e proprio il trapianto di cellule staminali può aiutare a ristabilire tutte le funzioni ematiche danneggiate dalla malattia (andando a sostituire anche il ben più problematico trapianto di midollo osseo).

Come donare il cordone ombelicale

La decisione di donare il cordone ombelicale comporta un procedimento di prelievo assolutamente semplice e innocuo sia per la mamma che per il bambino. Prima e dopo il parto, la gestante viene sottoposta a due prelievi di sangue: uno sei mesi prima della nascita del bambino e l’altro sei mesi dopo. Tali prelievi sono necessari ad assicurarcisi che la mamma non sia portatrice di gravi malattie infettive o ereditarie. Subito dopo il parto, invece, il cordone viene reciso e da esso viene estratto il sangue residuo (almeno 60 ml affinché sia in futuro possibile un trapianto). Tale quantità di sangue viene trasportata presso la banca di sangue placentare (è necessario che ciò avvenga in brevissimo tempo). Qui viene analizzata e, se reputata idonea, conservata in azoto liquido e congelata. E’ possibile donare il cordone ombelicale in un qualsiasi ospedale attrezzato.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *