Come difendersi dall'influenza 2012

influenza 2012

Come è ben noto a tutti, nei giorni che caratterizzano il passaggio dalla stagione invernale a quella primaverile, si scatenano in grande abbondanza quelle famose allergie, prevalentemente dovute ad alcune tipologie di polline, in grado di debilitare fortemente l’organismo che è stato colpito.
Quello che non tutti sanno, però, è che oltre alle allergie durante la primavera prolificano anche batteri e virus in grado di dar luogo a vere e proprie influenze e disturbi intestinali.
Prima di passare a curare l’una o l’altra cosa, dunque, è bene riconoscere da cosa si è stati colpiti e individuare la causa precisa del proprio malanno, che potrebbe dunque risiedere nella tanto temuta influenza 2012.

Allergia o influenza 2012?

Come anticipato, dunque, all’arrivo della bella stagione insorgono purtroppo una serie di virus parainfluenzali, appartenenti in genere alle categorie degli enterovirus o dei coronavirus, che hanno una sintomatologia davvero molto simile alle più comuni e diffuse allergie da polline. Eppure, allergie non sono.
Tale tipologia di influenza 2012 si caratterizza per la fastidiosissima presenza di starnuti, tosse, lacrimazione degli occhi, mal di gola, prurito al naso e stanchezza eccessiva. Ovviamente, ciò che distingue un’allergia dall’influenza 2012, oltre alla presenza di disturbi gastrointestinali e dolori alle articolazioni e ai muscoli che generalmente un’allergia non possiede, è la durata anomala dei suddetti sintomi. L’influenza 2012, infatti, va via in pochi giorni e non soltanto al termine della primavera (fonte:www.benesserevillage.it).

La cura per l’influenza 2012

Se non avete fatto in tempo a vaccinarvi e avete contratto l’Influenza 2012 è necessario che contattiate un medico, il quale saprà indicarvi senza ombra di dubbio la terapia più adeguata cui sottoporvi.
Nel vostro piccolo, comunque, potrete agevolare la guarigione dall’influenza 2012 grazie all’assunzione di probiotici (per il buon funzionamento e ripristino dell’intestino e del sistema immunitario), e di fibre, per combattere l’infezione.

Share