Analisi del sangue THC, i tempi

Analisi del sangue THC, i tempi Esami

 

Sarà capitato a molti di sottoporsi alle analisi del sangue THC, un test molto comune che rivela in modo particolare la presenza di sostanze stupefacenti all’interno dell’organismo umano. Parlando di analisi del sangue THC, si fa più che altro riferimento al tetraidrocannabinolo (THC), ossia la principale sostanza psicoattiva della canapa.

 

Come agiscono le analisi del sangue THC

Molti sono convinti come svanendo l’effetto stordente dello spinello, quindi chi fuma sostanzialmente cannabis, non sia più presente all’interno dell’organismo umano il THC. Convinzione assolutamente errata, anzi la situazione è ancor più complicata per chi si ritrova ad essere un fumatore costante dello spinello. Le analisi del sangue THC svelano proprio la presenza di tale sostanza all’interno dell’organismo umano per un periodo anche abbastanza lungo. Il punto principale è che i test di analisi effettuati in modo particolare dagli istituti di medicina legale sono davvero molto sensibili e quindi riescono ad evidenziare, anche dopo qualche giorno, la presenza di sostanze stupefacenti all’interno dell’organismo umano.

 

Tempi per lo smaltimento

Quando si effettuano le analisi del sangue THC può anche non emergere più tale sostanza nel soggetto analizzato, ma potrebbe esserci la presenza di THC-COOH, ossia il THC si trasforma in acido carbonico che dal punto di vista farmacologico non è più attivo. Il problema però è che l’organismo umano non produce da solo il THC-COOH, quindi se viene rilevata tale sostanza durante le analisi del sangue, si risale inevitabilmente al THC e si risulta essere colpevoli. Questo fa ben comprendere come sia complicato riuscire a liberarsi completamente da queste sostanze illegali, lo smaltimento totale richiede un bel po’ di tempo, non solo giorni, ma anche settimane.

Share